OFF TOPIC: “IL PASSO IN PIÙ” DI FRANCESCO PIERUCCI

progetto-senza-titolo-1

Buongiorno cari Disoccupati,

oggi vado offtopic per promuovere un libro che mi è piaciuto tantissimo: il mio.

Scusate se approfitto di questo spazio ma essendo io il Fondatore Illustre me lo posso permettere e voi non potete farci niente (gnègnè).

“Il passo in più” è un romanzo di (de)formazione on the road che gli amanti di cinema non potranno non apprezzare.

MA DI COSA PARLA “IL PASSO IN PIÙ”?

Dopo il successo del suo primo romanzo Il passo in più, uno scrittore non riesce più a ritrovare l’ispirazione. Decide così di partire per un disperato viaggio on the road con la sua fidata Underwood Standard in cerca della creatività perduta. Durante il percorso a bordo della sua auto sgangherata incontrerà suo malgrado una serie di personaggi decisamente grotteschi tra cui uno sceneggiatore obeso, un falacrofobico con manie di grandezza e una pescivendola napoletana senza scrupoli. Tra fughe, risate, arresti e incidenti di ogni tipo, il protagonista vivrà un’avventura surreale dalle forti tinte cinematografiche che sarà difficile dimenticare.

DOVE COMPRARE IL LIBRO

IBS

E per non farci mancare nulla vi aggiungo un book teaser alla Lynch dove non si capisce una ceppa:

Per domande, obiezioni, perplessità, chiedete pure. Intanto un  caloroso saluto a tutti dal Fondatore Illustre.

FILM IN SALA – LA LA LAND

images.jpg

Basta poco per innamorarsi di La La Land, nuova fatica del regista di Whiplash Damien Chazelle plurinominata alla prossima serata degli Oscar (hanno tenuto fuori Silence di Scorsese quindi lasciano il tempo che trovano). Basta il lungo piano sequenza ballato iniziale (sei minuti, in realtà con tre stacchi abilmente montati), con i pendolari di Los Angeles che, imbottigliati nel traffico, cantano e danzano funambolicamente a ritmo di Another Day of Sun e ci danno il benvenuto nella città dei sogni. Alla fine dell’incipit rimani catturato ed estasiato, pronto a vedere un film divertente e, soprattutto, elegante.

La trama è semplice e già vista: aspirante attrice e pianista di jazz sognano di poter realizzare i rispettivi progetti; la prima di sfondare ad Hollywood, il secondo di aprire un locale Jazz in cui poter far rivivere un genere che sta lentamente morendo. Si conosceranno, si ameranno, si sproneranno e, per inseguire i sogni, si divideranno. Ma il loro amore resterà.

Canto d’amore al cinema diviso in quattro stagioni, gioia per gli occhi prima che per le orecchie, conferma lo straordinario momento dei film sulla musica, dopo il gioiellino Sing Street, Whiplash dello stesso regista e gli acclamati (e un po’ più anzianotti) Les Miserables, Mouline Rouge e Chicago. Ogni inquadratura è un omaggio all’arte, che sia essa musicale o cinematografica, dalle carrellate sui muri di Los Angeles che celebrano i divi (Chaplin, Keaton, Hepburn) ai feticci del cinema del passato (il balcone di Casablanca, l’osservatorio astronomico Griffith presente in Gioventù Bruciata), dallo sgabello su cui si è seduto Hoagy Carmichael alle fantastiche scene dei concerti jazz, degne dei film evento sui migliori gruppi musicali.

Tutto è intertestualità, nostalgia di un tempo cinematografico passato e da far rivivere; è presente il melò di Douglas Sirk, con una scena riproposta di Come le foglie al vento, i dialoghi serrati delle migliori screwball con i formidabili Ryan Gosling ed Emma Stone (amabilmente goffi nei balli) che si completano alla perfezione e che a tratti suggeriscono la stessa energia amorosa che legava Spencer Tracy e Katharine Hepburn. E poi c’è tanto, tanto musical, da Cantando sotto la pioggia, omaggiato in più salse fino al mitico lampione, a All that Jazz, da Un americano a Parigi (la camminata lungo Senna) a Cappello a cilindro fino ai balli corali di West Side Story con tanto di fuochi d’artificio finali.

Un sogno in immagini, una storia d’amore che vi farà ridere, ballare, pensare e commuovere, fino allo stupendo sguardo finale. E che lascia una domanda: sogni e ambizioni sono sinonimi? E può l’ambizione scavalcare il sogno?

Regia sicura, fotografia illuminata (nonostante il livello enorme di difficoltà di alcune scene), montaggio convincente. Ma sono le musiche e canzoni bellissime a convincere maggiormente.

Almeno tre scene da regalare agli annali della storia del cinema: scelgo il loro ballo tra le stelle. Magnifico.

 

Matteo Chessa

FILM IN SALA: LION – LA STRADA VERSO CASA

Risultati immagini per lion la strada verso casa

Dopo essersi fatto le ossa nella regia pubblicitaria, Garth Davis debutta nel mondo della regia cinematografica con Lion, basato sul libro di memorie La lunga strada per tornare a casa, che narra la vera storia di Saroo Brierley, e già accolto con reazione pressoché positive dalla critica americana facendosi notare anche nel primo grande appuntamento di questa award season, i Golden Globes, con quattro candidature.

Il film racconta infatti la storia di Saroo Brierley, che a soli cinque anni si è perso in una stazione vicina al suo villaggio indiano di Ganesh Tilai e poi sopravvissuto in solitudine a Calcutta venendo infine adottato da una famiglia australiana che l’ha educato e cresciuto. In età adulta si accorge che la sua vita non è completa senza la riscoperta delle sue radici e allora grazie a Google Earth si mette alla ricerca del villaggio in cui aveva passato l’infanzia.

Il film è nettamente diviso in due parti. Nella prima parte (che dura un’ora) siamo di fronte soprattutto ad un racconto avventuroso. Il regista, attraverso le peripezie del piccolo Saroo, interpretato da Sunny Pawar, ci sbatte in faccia un dipinto dell’India denso di pericoli, miseria e degrado. Una cornice molto spietata soprattutto se deve essere affrontata da un bambino di cinque anni in balia della solitudine e dell’indifferenza in una metropoli sovrappopolata come Calcutta. Questo primo segmento della pellicola termina con l’adozione di Saroo da Sue e John Brierley, interpretati da due attori realmente australiani: Nicole Kidman, premio Oscar per The Hours nel 2003 e il meno celebre (e anche meno centrale nel film) David Wenham di cui si ricordano il ruolo di Faramir ne Il Signore degli anelli e di Delios in 300.

La seconda parte vede Saroo, ormai venticinquenne e interpretato da Dev Patel, il cui unico ruolo di rilievo finora era stato in quel fenomeno globale che fu The Millionaire, vincitore di 8 Oscar nel 2009. Oltre ai tre attori già menzionati, fa la sua comparsa anche Rooney Mara che interpreta, Lucy, la ragazza di Saroo, conosciuto durante gli studi a Melbourne. Se nella prima parte l’attenzione viene posta sull’avventura in grandi ambientazioni, nella seconda gli eventi si concentrano sul tormento di Saroo che percepisce la propria esistenza come incompiuta perché incapace di ristabilire un contatto con le proprie origini delle quali ha un lontano ricordo.

Entrambe le parti del film peccano però di un’eccessiva durata rispetto a quanto hanno da raccontare, il film dura quasi 130’, con alcune scene smisuratamente prolungate, su tutte la scena in cui Saroo localizza il proprio villaggio natio su Google Earth, che consta di svariati stucchevoli minuti in cui il protagonista scorre l’indicatore del mouse sulle mappe.

Forse è questo il principale difetto di Lion che rimane comunque un’opera apprezzabile in grado di regalare allo spettatore uno spaccato realista dell’India contemporanea insieme alla trasposizione  di una storia strappalacrime veramente accaduta. Da sottolineare l’ottima interpretazione della Kidman, candidata come migliore attrice non protagonista ai Globes, che finalmente torna a farsi ammirare per le sue abilità attoriali dopo qualche anno di partecipazioni in film non all’altezza della sua fama.

Candidato anche come miglior film drammatico ai Golden Globes (categoria in cui ha trionfato Moonlight), difficilmente si ripeterà agli Oscar. Ma, almeno fino alle celebri uscite cinematografiche di metà gennaio (Silence ed Arrival per citarne alcuni), rimane comunque una visione consigliata, soprattutto se confrontata con gli altisonanti quanto deludenti Passengers e Assassin’s Creed.

 

Michael Cirigliano

I MIGLIORI FILM DEL 2016

Quali sono i migliori film dell’anno per i Disoccupati? Ecco le nostre scelte (rigorosamente tra quelli usciti in sala).

 

ZULU (FOR PRESIDENT)

E’ SOLO LA FINE DEL MONDO

Risultati immagini per è solo la fine del mondo

Talento (tanto), interni (tutti) e salsa cocktail (amara)

SOLE ALTO

Risultati immagini per SOLE ALTO

Il tempo cancella soltanto le cose poco importanti

FRITZ LANG

Risultati immagini per film fritz lang 2016

Bianco e nero; il primo è il colore della pelle, il secondo quello dell’anima

CAPTAIN FANTASTIC

Risultati immagini per captain fantastic

Capire la differenza tra l’eccezionalità e l’eccezione

THE END OF THE TOUR

Risultati immagini per THE END OF THE TOUR CINEMA

La cosa peggiore che ti possa capitare nella vita è comprendere veramente chi sei

FRANCESCO

THE HATEFUL EIGHT

Risultati immagini per the eight full eight

Ennesimo gioiello del Maestro intriso di gelido teatro

ANOMALISA

Risultati immagini per ANOMALISA

Piccolo capolavoro in stop motion tra Pirandello e il nichilismo

AVE CESARE

Risultati immagini per AVE CESARE

Raffinato omaggio al cinema americano dello Studio Sysyem da parte dei fratelli Coen

LO CHIAMAVANO JEEG ROBOT

Risultati immagini per lo chiamavano jeeg robot

Uno spaghetti-superhero movie coraggioso e sorprendente con un grande Marinelli

PERFETTI SCONOSCIUTI

Risultati immagini per perfetti sconosciuti

Finalmente una commedia italiana ben scritta che descrive con originalità la società di oggi

MICHAEL

FUOCOAMMARE

Risultati immagini per FUOCOAMMARE

Documentario o fiction?  Sicuramente un dipinto realista sul dramma dei migranti

HELL OR HIGH WATER

Risultati immagini per hell or high water

Uscito solo su Netflix, è una lucida riproposizione del tema del criminale che agisce per motivi non egoistici.

CAPTAIN FANTASTIC

Risultati immagini per captain fantastic

Il problema dell’educazione dei futuri adulti trattato in maniera originale da Matt Ross.

THE REVENANT

Risultati immagini per the revenant

Immagini fantastiche e indelebili e il miracolo Oscar a DiCaprio; Inarritu non si smentisce.

SING STREET

Risultati immagini per SING STREET

Buon rock anni 80, rivincita familiare; merita di stare nella mia personale classifica

MATTEO

THE REVENANT

Risultati immagini per revenant

Quadri in movimento; leggi QUI la mia recensione

FUOCOAMMARE

Risultati immagini per FUOCOAMMARE

Noi, come il bambino, a poco a poco vediamo chiaramente ciò che dobbiamo vedere.

NERUDA

Risultati immagini per neruda larrain

Quell’inquadratura rosso neon finale. Che capolavoro

ANOMALISA

Risultati immagini per anomalisa

Poco da dire. Altro che animazioni per bambini.

SOLE ALTO

Risultati immagini per sole alto

Il film dell’anno. Con la scena più erotica di sempre

TOP 5 – LE MIGLIORI SERIE NOVITA’ DEL 2016

Dicembre come ogni anno è un mese di bilanci e nell’attesa della nostra tradizionale classifica (che pubblicheremo gli ultimissimi giorni dell’anno) in cui vi proporremo i film più interessanti del 2016, l’appuntamento di oggi è per un’altra TOP 5, assolutamente inedita sulle pagine di questo blog. Parliamo delle migliori serie che hanno debuttato nell’anno solare che sta volgendo al termine, un anno molto ricco di nuovi titoli di grande rilievo. Inutile dire che a fare da padroni sono i soliti colossi, HBO e Netflix, con qualche incursione di altri network.

La classifica si concentrerà sulle serie TV con almeno dieci episodi a stagione, quindi non le c.d. miniserie, trasmesse in pochi episodi, e, se composte da più stagioni, antologiche (quindi tra una stagione a l’altra non ricorrono personaggi e ambientazioni). Quest’ultima categoria, nel 2016, ha comunque offerto al pubblico televisivo ottimi prodotti: segnaliamo American Crime Story, The Night Of e The Night Manager, tutte candidate ai Golden Globes 2017 nella categoria Miglior miniserie o film per la televisione.

Passiamo dunque alle migliori serie TV che hanno debuttato nel 2016. N.B.: non saranno in classifica le serie non ancora trasmesse in Italia (su tutte l’ottima Atlanta, andata in onda negli Stati Uniti su FX).

5. BILLIONS

Risultati immagini per billions

Sicuramente il miglior debutto della prima parte dell’anno, prima che da agosto in poi arrivassero i titoloni che troveremo nelle posizioni più alte della classifica. Trasmessa dal canale a pagamento Showtime, che già aveva regalato pezzi da novanta come Dexter e che nel 2017 trasmetterà l’attesissimo sequel di Twin Peaks, è andata in onda in Italia su Sky Atlantic a partire dal 21 giugno.

I dodici episodi che compongono la prima stagione vedono la lotta senza esclusione di colpi tra Chuck Rhoades (Paul Giamatti), potente procuratore distrettuale del distretto sud di New York, e Bobby Axelrod (Damian Lewis), squalo dell’alta finanza divenuto miliardario alla guida di una compagnia finanziaria specializzata su fondi speculativi. Chuck deve decidere se avviare un caso che potrebbe definitivamente consacrare la sua carriera (durante la quale non ha mai perso una causa), correndo tuttavia rischi non indifferenti sia sul piano professionale sia personale in quanto sua moglie Wendy (Maggie Siff, già vista in Sons of Anarchy) lavora come psicologa presso la società di Axelrod, guadagnando molto più di lui ed è depositaria di molti segreti di “Axe”.

I punti di forza sono la qualità della messa in scena e della sceneggiatura e la curata caratterizzazione dei personaggi (anche di quelli che paiono secondari). In certi momenti ricorda House of Cards, dalle parti di Showtime si augurano che il loro prodotto possa emularne le gesta. La seconda stagione parte a febbraio 2018, questa volta in contemporanea con gli Stati Uniti.

4. THE YOUNG POPE

Risultati immagini per young pope

È la prima serie TV creata e diretta interamente da Paolo Sorrentino, già premiato con l’Oscar per il miglior film straniero nel 2014 con La grande bellezza. Questo grande progetto televisivo nasce da una sontuosa co-produzione tra Italia (Sky), Stati Uniti (HBO) e Francia (Canal+) e rappresenta un’importante affermazione italiana nel mondo della serialità internazionale, dopo il grande successo di Gomorra – La serie (che quest’anno ha debuttato negli USA con risultati strabilianti). Caratterizzata da un’eleganza formale e e un’ironia marcatamente sorrentiniane, la serie racconta i primi anni di pontificato del quarantottenne Lenny Belardo (Jude Law), il (fittizio) primo papa nordamericano della storia, salito al soglio pontificio con il titolo di Pio XIII: Belardo sconvolge tutti rivoluzionando la figura del pontefice contemporaneo ponendosi su tesi conservatrici riguardo ai temi più discussi (aborto, divorzio, omosessualità) sovvertendo così le aspettative che si erano create attorno alla sua elezione.

Sorrentino ha chiamato a sé un cast di attori in pieno spolvero: oltre all’incredibile performance del britannico Jude Law nei panni del protagonista, degne di nota sono le prove attoriali di Silvio Orlando, Diane Keaton, James Cromwell e Javier Cámara.

Ancora prima della messa in onda della prima stagione, Sorrentino ha annunciato di essere al lavoro su una seconda stagione, il cui rilascio è ancora sconosciuto.

3. THIS IS US

Risultati immagini per this is us

Trasmessa negli USA dalla NBC e andata in onda in Italia su Fox a partire dal 21 novembre (finora 5 episodi, il lunedì in seconda serata), This is us rappresenta un qualcosa di diverso nel panorama televisivo mondiale. La serie racconta la storia di alcuni personaggi che hanno la peculiarità di esseri nati tutti lo stesso giorno e che nel primo episodio festeggiano, in vari modi, il loro trentaseiesimo compleanno. Tra questi, abbiamo Rebecca e Jack, una giovane coppia di sposi che sta per affrontare un parto plurigemellare; Randall, marito e genitore di due figlie che va alla ricerca del proprio padre biologico da cui era stato abbandonato in tenera età; Kevin, un attore di sitcom demenziali che inizia a non essere soddisfatto della propria vita professionale, e la sorella di quest’ultimo, Kate, che tenta invano di perdere peso. Il creatore della serie, Dan Fogelman, cerca di raccontare le loro storie in maniera stravagante, senza ricorrere a luoghi comuni. Infatti la naturalezza con cui i protagonisti si relazionano tra loro (hanno tutti legami tra loro, come emerge di puntata in puntata) e la spontaneità dei dialoghi riescono nella non facile impresa di connotare di originalità anche le scene più quotidiane.

Rispetto alle altre serie presenti in classifica, ha attirato meno attenzione nel nostro Paese, anche a causa della collocazione nel palinsesto di Fox non proprio centrale.

Sono previsti 18 episodi, vedrete che vi sorprenderà.

2. STRANGER THINGS

stranger things.jpg

Distribuita in tutto il mondo in blocco (come è abitudine per Netflix) il 15 luglio, la serie (composta da otto episodi), una delle migliori produzioni originali della casa di Hastings (nell’anno in corso degne di nota anche The Get Down, The Crown e The OA) sembra essere concepita per accontentare tutti i fan degli anni Ottanta. Infatti riesce a mescolare abilmente le avventure per ragazzi in stile Goonies, la fantascienza, certi romanzi di Stephen King (Stand by me per esempio), l’horror di John Carpenter e Wes Craven e il miglior Spielberg di quegli anni (E.T. su tutti). I Duffer Brothers, creatori e registi del telefilm, hanno dato vita a un vero e proprio viaggio nel tempo grazie anche a un’accurata ricostruzione dell’ambiente e una colonna sonora che non scade mai nel cliché.

Tutto nasce dalla misteriosa sparizione del dodicenne Will Byers nella tranquilla città di Hawkins nell’Indiana. Nella stessa città, una strana ragazzina, Eleven, approfitta della confusione generata da un incidente ad un ricercatore per fuggire dal laboratorio segreto dove è detenuta, aiutando gli amici di Will, grazie ai propri poteri paranormali, nella ricerca del proprio coetaneo scomparso.

I giovani protagonisti della serie, tra cui spicca l’intensa Millie Bobby Brown (Eleven), sono balzati agli onori del pubblico e della critica, divenendo i protagonisti della cerimonia degli Emmy Awards 2016, pur non essendo candidati. Da segnalare il meritato ritorno alla ribalta internazionale di Winona Ryder, nominata ai Golden Globes 2017 per il suo ruolo nella serie.

La messa in onda della seconda stagione di 9 episodi è stata confermata per il 2017.

1. WESTWORLD

west.jpeg

Jonathan Nolan, fratello del più famoso Christopher (il cui prossimo film, Dunkirk, uscirà nei cinema ad agosto 2017), con cui ha collaborato alle sceneggiature nella maggior parte dei suoi successi, ha dato vita, insieme alle moglie e produttrice Lisa Joy, alla serie TV Westworld, produzione di cartello del network via cavo HBO (trasmessa in Italia da Sky Atlantic). Traendo ispirazione dal film Il mondo dei robot, scritto e diretto da Michael Chrichton nel 1973, Nolan e Joy hanno creato un futuro in cui esistono androidi così tecnologicamente avanzati e tanto realistici dal punto di vista fisico ed emotivo (su questo secondo aspetto sono concentrate gran parte delle vicende) da poter essere i residenti di un parco a tema western, Westworld appunto, all’interno del quale interagiscono con i ricchi visitatori che vi hanno accesso. Tra sottili implicazioni filosofiche e un intreccio caratterizzato da significativi colpi di scena fino allo stupefacente finale di stagione (ma anche certi finali di episodio lasciano senza fiato), nei 10 episodi spiccano le interpretazioni di Evan Rachel Wood, Thandie Newton e dei due big Ed Harris e Anthony Hopkins. Quest’ultimo interpreta l’enigmatico dottor Ford, creatore del parco e burattinaio che muove i destini di gran parte dei personaggi della serie. La HBO ha già rinnovato la serie TV per una seconda stagione prevista per il 2018.

Michael Cirigliano

RISCOPRIAMOLI CON (L’AMICHETTA DE) ZULU – COLPO SECCO

Risultati immagini per colpo secco paul newman

Chiudete gli occhi e pensate a una partita di hockey: qual è il primo rumore che vi viene in mente? Il fruscio dei pattini, il picchiare delle mazze o il cozzare delle armature? Se l’ultimo di questi allora Colpo secco è il film che fa per voi.

Lungometraggio del 1977 con protagonista Paul Newman, ci accompagna in un viaggio nelle serie minori dell’American Hockey League di quegli anni, dove l’uso della violenza sul ghiaccio era praticamente all’ordine del giorno e (abusato) espediente per caricare il tifo delle folle. Continua a leggere

spacejam

WELCOME TO THE SPACE JAM!

Tra le varie chicche presenti su Netflix non si può non citare una pietra miliare del cinema in tecnica mista (animazione+live action), un film che ha segnato una generazione e che ha fatto amare Michael Jordan anche a chi di basket ci capisce quanto Lapo Elkann.

lapo_elkannnba

“Tira lui!”

Signore e signori, ecco a voi Space Jam!

space_jam-e1407841014110

Basterebbe oggettivamente la scena iniziale a rendere immortale la pellicola: il piccolo Michael che sulle note di I Believe I can Fly non sbaglia un canestro sotto gli occhi emozionati del padre. Ed è subito un colpo al cuore.

tumblr_m9htnujcwm1qjcpmx

“Niente male. Fanne un altro”

Ma Space Jam è un sacco di più: è in parte la storia di MJ (il primo “ritiro” e la carriera nel mondo del baseball), è la scoperta del lunatico mondo dei Looney Tunes ed è soprattutto una delle partite di basket più tamarre e ignoranti mai viste.

hqdefault

“Fresco al limone!”

Per affrontare i Monstar ci vuole un quintetto base da leggenda (da leggere con la mano sul cuore come con l’inno):

  • Il fenomenale del contenente australe: il Diavolo della Tazmania
  • La rubacuori della lunetta: Lola Bunny
  • Lo starnazzatore dal tiro implacabile: Duffy Duck
  • L’estro fatto pallacanestro: Bugs Bunny
  • Sua Altezza aerea: Michael Jordan!

space2bjam2b57

Il primo tempo è una tragedia. I Monstar fanno valere il fisico e schiacciano letteralmente gli avversari (l’utilità dell’arbitro?). Solo Jordan ci tiene vivi.

original-17091-1365180955-3

All’intervallo la svolta: con la Michael’s Secret Stuff si può tornare a sognare. La squadra rientra in campo e mette in ginocchio gli avversari fino a quando l’effetto della “pozione” non finisce.

lola_bunny

“Non chiamarmi bambola”

E’ allora la panchina a fare la differenza grazie al sacrificio del paffuto Stan Podolak e all’ingresso a sorpresa del mito Bill Murray.

space-jam-michael-jordan-bill-murray

“Mai fidarsi di un terrestre, ragazzi!”

A due secondi dalla fine schiacciata irreale di MJ e Monstar muti.

space-jam-jordan-dunk

Che altro aggiungere?

Beh, tra i doppiatori impossibile non citare il mitico Sandro Ciotti alla telecronaca, Simona Ventura/Lola Bunny e un Bisteccone Galeazzi in forma smagliante come villain.

E che i 5 cestisti del 1996 ai quali viene sottratto il talento sono: Charles Barkley, Shawn Bradley, Patrick Ewing, Larry Johnson e Muggsy Bogues.

Ancora oggi gli 88 minuti del film volano via che è una meraviglia.

In attesa di Space Jam 2 continuiamo a goderci questo capolavoro!

 

Francesco Pierucci