ALCUNE COSE CHE NON SAPETE SUI SIMPSON

simpson

SI, BUON NATALE!

Il primo episodio della serie a cartoni più longeva della TV americana è iniziata come uno Special Natalizio. Perché direte voi… doveva essere un episodio unico, e per fortuna che così non è stato. Era il 17 Dicembre del 1989, qualche mese più tardi sarebbe stato candidato a 2  Emmy Awards.

the-simpsons-season-16-episode-19-thank-god-its-doomsday-150x150

PERCHE’ SONO GIALLI?

La scelta del colore giallo è stata una scelta stranamente ben ponderata… dovevano essere riconoscibili! Lo spettatore doveva (come poi è successo) collegare il giallo alla famiglia Simpson. Tutti i personaggi poi sono delle ‘caricature’ di esseri umani, con la bocca strana e le 4 dita, non a caso l’unico ‘completo’ ad avere 5 dita è Dio.

Smithers

MR. SMITHERS

Il lecchino di Burns alla centrale nucleare è apparso per un episodio come afro-americano… ma nella successiva comparsa gli hanno cambiato colore della pelle per paura che avere un nero come schiavetto di un capitalista bianco potesse creare problemi al programma!

foto 4

PUZZLES

In alcuni episodi della serie, Homer e Bart guardano scene dei film d’azione di McBain (misto tra Schwarzenegger e Stallone) ma non tutti sanno che gli spezzoni visti in sequenza compongono un unico mini film, nascosto dagli autori attraverso le puntate.

foto 5

ALTRE CHICCHE

-Gli alieni Kodos e Kang hanno nomi che omaggiano la serie Star Trek

-La serie ‘The Simpsons’ detiene attualmente il record del maggior numero di guest star (e io che pensavo fosse Friends…)

-Molti personaggi hanno i nomi di strade di Portland, cittadina del Oregon

-Sono frequenti negli episodi parodie di ‘Quarto Potere’ e leggenda vuole che si potrebbe ricostruire l’intero film sfruttando clip del cartone

 

Pietro Micheli

02 SERIE TV- AGENTS OF S.H.I.E.L.D: PRELUDIO AD UN’ OCCASIONE MANCATA?

Quando avevo appreso la notizia che avrebbero fatto una serie targata Marvel mi ero stragasato. Quando ho scoperto che sarebbe stata incentrata sugli Agenti dello S.H.I.E.L.D., mi sono fomentato un po’ di meno ma ero comunque eccitato dall’idea che il progetto sarebbe stato un ottimo escamotage per aggiungere ulteriori tasselli alla continuity filmica della Marvel. Sicuramente lo scopo per il futuro sembra essere questo, ma per il momento? Vista la pesante assenza di succulenti crossover cosa è in grado di regalarci questa serie? Molto poco, a dir la verità. Certo, le battutine frizzanti e le continue citazioni ai personaggi marveliani piacciono molto  ma al di là di queste chicche di contorno gli episodi di Agents of S.H.I.E.L.D. non paiono soddisfare le enormi aspettative dei fans. Innanzitutto perché. giunti oramai alla sesta puntata del franchise, non si intravede neanche l’ombra di una storyline principale ben definita ma le puntate, caratterizzate da una struttura autoconclusiva, si limitano a presentare il nemico di turno: questa scelta risulta in controtendenza rispetto alle più grandi serie di successo che sono riuscite a catalizzare l’attenzione dello spettatore supportando un originale e variegata trama verticale con una solida e ben definita trama orizzontale. Gli effetti speciali poi, che dovrebbero essere un punto di forza, sono spesso ridicoli e paiono inspiegabilmente quelli di un film a basso budget.

agents-of-shield-fireMomento WTF!

I personaggi fino ad ora non sono ancora ben definiti ma la sensazione è che il vero mattatore nonché protagonista indiscusso sia l’Agente Coulson (che però nei filmoni Marvel è solamente l’ultimo degli stronzi!) che sembra in grado di reggere da solo l’intera serie.

the-first-awesome-trailer-for-agents-of-shieldQuest’uomo, un mito.

Agents of S.H.I.E.L.D. pare quindi un’operazione dubbia e confusionaria che,  a malincuore per gli aficionados, sa tanto di occasione mancata.

Francesco Pierucci