1930. ALL’OVEST NIENTE DI NUOVO, IL PRIMO GRANDE CAPOLAVORO BELLICO

All-ovest-niente-di-nuovo_cover

Il 1930 rappresenta l’occasione per l’Academy di riproporre la doppia cerimonia  nel corso dello stesso anno (una prima si tenne ad aprile per i film compresi tra il 1927-1928 e una seconda invece a novembre per il biennio 1928-29). A trionfare in primavera fu il  musical La Canzone di Broadway,  primo film sonoro a vincere l’ambita statuetta ( tra i primi a sperimentare il Technicolor) e pellicola nota soprattutto per aver contribuito con le sue musiche al successo del metacinematografico Cantando Sotto la Pioggia.

In autunno invece il premio va allo splendido All’Ovest Niente Di Nuovo di Lewis Milestone (tratto dal noto romanzo Niente di nuovo sul fronte occidentale di Erich Maria Remarque). Emblema dell’antimilitarismo, il film ambientato durante la Prima Guerra Mondiale  racconta la storia di alcuni studenti di un piccolo borgo tedesco che decidono di arruolarsi come volontari( in seguito alla continua propaganda bellica portata avanti dal loro professore) e che scopriranno a loro spese che la cruda realtà della guerra è ben diversa da come viene descritta. Presto infatti, la fame sempre più pressante e il senso di colpa per gli omicidi perpetrati li condurranno a crisi nervose o addirittura alla pazzia. All’Ovest Niente Di Nuovo può quindi essere inteso come una grande critica del fallimento del ruolo pedagogico: da un lato il professore, colpevole di aver condizionato le loro scelte e dall’altro il gruppo di veterani che esorta la gioventù alla freddezza e al cinismo più bieco costituiscono due facce della stessa medaglia.

una-scena-di-all-ovest-niente-di-nuovo-18399

Paul viene assalito dal senso di colpa

Traendo vigore dalle tematiche trattate, quella di Milestone si dimostra una regia straordinaria (non a caso premiata anch’essa con l’Oscar) che sfrutta i primi piani dei volti espressionisti e silenziosamente inquieti di ragazzi troppo giovani e inesperti per affrontare tale massacro. Magnifica  la carrellata sui nemici che, nel tentativo di conquistare la trincea, vengono crivellati di colpi uno dopo l’altro: l’esistenza dei soldati è così labile in guerra da perdere quasi ogni significato. I giovani, incolpevoli del proprio destino, “non sanno fare altro che morire”. Forse i capi di stato dovrebbero semplicemente seguire  il consiglio del buon Katczinsky: bastonarsi tra di loro in mutande per stabilire il vincitore, senza coinvolgere milioni d’innocenti. Meraviglioso il finale poetico con la farfalla.

Curiosità: i nazisti tentarono di boicottarne la visione, lanciando dei topi in platea all’anteprima di Berlino. Buontemponi!

Francesco Pierucci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...