1944. CASABLANCA: TRA MELO’, NOIR E PROPAGANDA

images

 

 

L’americano Rick, nel bel mezzo della Seconda Guerra Mondiale, gestisce un locale (il famosissimo Rick’s Cafè Amèricain) a Casablanca, in Marocco. Questi aiuta Ilsa, ex- amante ancora amata, a fuggire dal paese assieme a suo marito Victor, perseguitato politico. Ispirato dalla piéce teatrale Everybody come to Rick’s scritta da Murray Burnett e Joan Allison (che però non fu mai portata in scena), è uno dei film leggendari, esponente principale del cinema americano classico degli anni 40; a metà tra il melodramma, da cui prende la storia d’amore, e il noir, come si evince dalle interazioni tra i differenti personaggi (un americano a cui non interessa l’esito della guerra, due perseguitati politici, un capo della polizia corrotto) che sono più importanti dell’esito della storia; oltre ciò è anche un film anti-guerra, una denuncia alla posizione degli USA di fronte alle gesta dei nazisti che stavano sconvolgendo il mondo, ma anche un ottimo documentario per descrivere le varie illegalità che avvenivano in territori franchi come Casablanca, tra cui la tratta dei profughi e la speculazione. È il film che elegge Humprey Bogart vera e propria star di Hollywood e lo catapulta nell’Olimpo dei grandi del cinema; l’inquadratura, firmata Arthur Edeson, con cui ci viene presentato all’inizio del film, con un  low key lighting, l’illuminazione dal basso, ne sottolinea la maestosità. Ottima Ingrid Bergman con una interpretazione forte e determinata che lascia intravedere la tristezza per il tempo (e l’amore) passato. Film immortale, il migliore del regista Michael Curtiz (ungherese), vinse tre Oscar: film, sceneggiatura non originale e regia. La versione italiana è stata censurata per eliminare qualsiasi riferimento al fascismo.

CURIOSITA’: la famigerata battuta “Suonala ancora, Sam” in realtà non viene mai pronunciata. La frase della Bergman è infatti “Suonala, Sam. Suona Mentre il tempo passa”

Matteo Chessa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...