1950. TUTTI GLI UOMINI DEL RE: LA PARABOLA POLITICA DI UN GOVERNATORE DEGLI STATI UNITI DEL SUD

Immagine

Tratto dall’omonimo bestseller di successo del 1946 scritto dal premio Pulitzer Robert Penn Warren, Tutti gli uomini del re (All the King’s Men)  narra della discesa politica di Willie Stark (Broderick Crawford), uomo politico del Sud di origini modeste che, dopo un iniziale sconfitta, diventa governatore dello Stato e senatore, proclamando un programma che si batte per i diritti dei lavoratori. Il tutto seguito dal giovane giornalista Jack Burden (John Ireland), che nota come ben presto il governatore caschi nella rete di corruzione  e malefatte che gli aveva permesso, combattendola, di salire al potere. Portato sullo schermo da Robert Rossen (che anni dopo dirigerà Lo Spaccone, famoso film con Paul Newman ) mostra la parabola di un uomo politico che, brillante e positivo in pubblico, si trasforma nel privato arrivando ad allontanare amore, amici e conoscenti, sottolineando le tematiche (non nuove invero alla cinematografia,  trattate in parte da Quarto Potere di Orson Welles) del potere che schiaccia l’umanità, l’ambiguità pubblico-privata dell’uomo politico e la corruzione come piaga. Il personaggio principale interpretato dal bravo Crawford è ispirato a Huey Long, governatore della Louisiana figlio di contadini che nel 1935 venne assassinato da una vittima della sua politica (stessa fine di Willie). Pluripremiato in tanti festival, vanta cinque Golden Globe incluso quello per il Miglior Film drammatico e la miglior regia, tre oscar e una nomination per il Leone d’Oro a Venezia.  A tratti pedante, a tratti irresistibile ha due elementi che mettono tutti d’accordo: la straordinaria interpretazione di Broderick Crawford, carismatico e attraente in pubblico come il migliore dei governatori e odioso nel privato, e la fotografia di Burnett Guffrey che gira completamente in esterni naturali, cosa che all’epoca era assai rara. Nel 2006 dallo stesso libro viene tratta un’altra pellicola, con lo stesso titolo, interpretata da Sean Penn, Jude Law   Kate Winslet e diretta da Steven Zaillian (sceneggiatore di Schindler’s List) che non vanta però la stessa fortuna del predecessore.

 

Matteo Chessa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...