GODEATH – LA STIRPE DELLA DEA : QUANDO MASSONERIA, VATICANO E TETTE SI SCONTRANO IN UN BAGNO DI SANGUE

Immagine

Salve a tutti amici disoccupati, perditempo e fancazzisti. Come primo articolo per questo blog ho deciso di parlarvi del manga di YujiShiozaki edito da J-Pop “GODEATH – la stirpe della dea”. Qual è la prima cosa che mi ha colpito di quest’opera? Semplicissimo: il figone in copertina strizzato in un corpetto nero che, con due splendidi occhi azzurri, ti fissa imbracciando una spada in modo improbabile. Un’immagine piena di poesia che non poteva che conquistare la mia attenzione mentre mi aggiravo modello “laureato in filosofia in cerca di un lavoro” nella mia fumetteria di fiducia. Sfogliandolo rapidamente, ho potuto apprezzare un palestrato con la calotta cranica scoperchiata e mezzo cervello a penzoloni che minacciava una dolce fanciulla, e una bambina dal volto angelico che con le dita allungate a mo’ di arpioni impalava una serie di nemici. Ora, se anche voi siete dei fulminati come me, avrete già capito che ci sono tutti gli elementi per investire i 6€ che costa. Ma veniamo a qualche dettaglio in più. La storia segue le vicende di Maria, un sicario homunculus (e se vi devo spiegare cos’è, leggetevi Fullmetal Alchemist e vergognatevi!), creata da un vampiro, che combatte per la massoneria nella guerra contro il vaticano. Il teatro della prima parte della storia è l’Italia del 700, spazia tra Napoli e Roma, regalandoci atmosfere barocche che si abbinano perfettamente al costante bagno di sangue. Il manga è un susseguirsi di omicidi, imboscate, ricatti e sequestri che nove volte su dieci vedono i vestiti della protagonista cedere nelle prime tre mosse. Per questo fatto, mi vergogno quasi a dirlo, mi trovo un po’ deluso. Specifichiamo subito, non perché sia disegnata male o sia brutta, lo stile dei disegni mi piace e lei è proprio un figone di tutto rispetto, con due bocce spaziali e un lato B che definirei “poetico”, però vista epoca e trama, un minor fanservice avrebbe reso l’atmosfera dell’opera più oscura e decadente con un risultato finale a mio avviso superiore. Va detto che ho letto solo i primi due numeri, catturato il pubblico dei pipparoli (di cui sono stato delegato sindacale dal 2003 al 2006) l’autore potrebbe riportare la cosa ad un livello più gradevole. Non lo farà, ma vi sto fornendo un’attenuante morale per acquistare una zozzeria.

In conclusione: trama e disegno sono buoni, è violento e splatter al punto giusto e anche se hanno esagerato con le tette (non avrei mai immaginato di dire una cosa simile) per me è promosso!

L’obeso barbuto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...