10 SCENE IMMANCABILI IN UN FILM AMERICANO

Gli Stati Uniti d’ America sono sicuramente la più grande nazione al mondo quando si parla di Cinema. Le pellicole di successo e i maggiori registi li dobbiamo tutti a loro. Ciò non toglie che, dopo essere cresciuto con i loro film, sono fermamente convinto che, se avessi a disposizione una bandiera USA, una telecamera e un gruppo di delinquenti provenienti dal ghetto, riuscirei anch’io a girare un film come piace a loro e con tutti i loro stereotipi. Se qualcuno di voi ha la possibilità di farlo sarei felice di consigliarvi 10 punti fondamentali che dovrete rigorosamente inserire. 

10

Immagine

Non può mai mancare, qualunque sia la trama del film (o il genere) la scena di un signore di una certa età che, in una bellissima giornata di sole, è indaffarato a tagliare il prato della sua bellissima villetta mentre una leggera brezza fa sventolare la bandiera a stelle e strisce posizionata sul tetto.

 9

Immagine

Quando arriva la notte invece è l’ora di mettere in scena l’artiglieria pesante, ovvero cinque afro-americani sopra una Cadillac armati fino al collo e con la musica a palla. Immagine molto comune che non delude mai: i nostri personaggi devono essere esclusivamente neri, rapper e uno di questi dev’essere obeso. I loro saluti iniziano sempre con”yo fratello” seguiti da strani giochi con le mani. Se si volesse entrare nel particolare uno di questi è anche forte a basket, ma rischia grosso con la legge per problemi di droga.

 

8

Immagine

In ogni film è sempre il momento giusto per inserire la grigliata domenicale, dove sia il signore che lavora il prato e i neri gangsta sono tutti assieme felici e mangiano hamburger e hot dog . Qui ci si può sbizzarrire inserendo nella scena anche il bambino che gioca a baseball con il padre o il vicino che, uscendo per prendere il giornale, viene salutato da tutti e invitato a unirsi per far festa in compagnia. Ma non finisce qui perché poco dopo nel vialetto della casa dove si sta facendo la grigliata passa anche un bel militare e anche questo verrà invitato a unirsi.

 

7

Immagine

Dopo il barbecue domenicale, in una bellissima famiglia bianca molto ospitale dove i genitori chiamano il loro unico figlio “campione”, non può mai mancare una casa del Bronx dove il tavolo e il divano sono capovolti dal caos e la famiglia è sempre composta da minimo venti persone con la madre che per non sbagliare chiama tutti solo “coglioni”. Il padre? Boh, nessuno ha mai visto un padre in una scena cosi.

 

6

Immagine

Un militare muore, funerale di stato. Scena fondamentale. Qui è importante farlo morire dopo che in precedenza aveva detto “non appena sarò di ritorno dalla guerra abbraccerò subito mia figlia etc etc”. Il funerale dev’essere celebrato sempre in un bellissimo cimitero all’aperto, dove affianco ci sarà anche il vecchio che parla da solo, chinato sulla lapide della  moglie defunta, mentre beve della birra.

 

5

Immagine

Verso fine film è l’ora del ballo studentesco, dove la reginetta sarà sempre la meno probabile, quindi la cessa del film e mai invece la cheerleader diva del liceo.  Il ragazzo chiamato dal padre “campione” verrà picchiato da quello nero chiamato dalla madre “coglione” e un ragazzo obeso con gli occhiali e la faccia vittima dell’acne starà all’ingresso in disparte a mangiare patatine.

 

4

Immagine

Nelle altre scene non bisogna mai dimenticarsi di mettere in risalto ciò che ha reso grande l’America, ovvero il miscuglio delle varie etnie che vivono felici in questo paese. Perciò troveremo sempre il Portoricano che lavora al fast food, il Canadese boscaiolo e il Messicano giardiniere che va a letto con le casalinghe delle case nella quale lavora.

 

3

Immagine

Collegandoci al punto precedente dobbiamo ricordare che almeno una scena di sesso nel film dev’essere sempre presente anche a costo di sabotare l’intero senso di questo. Non è importante il sesso di per sé, chi lo sta facendo o come gli stia riuscendo; ciò che conta è che non venga fatto mai nel letto, mai, e che la casa nella quale si trovano i due amanti sia di quelle dove per entrare stranamente non servono mai le chiavi, in modo che i due vengano scoperti sempre nel bel mezzo dell’opera

 

2

Immagine

Visto che siamo quasi giunti alla conclusione voglio donarvi una perla che contraddistingue tutti i loro film, facile da inserire e molto veloce: una classica chiamata telefonica, dove non si risponde né con ciao né con pronto e per salutare a fine chiamata basta semplicemente chiudere il telefono in faccia a chi sta dall’altro capo. Qualunque sia il discorso e anche se l’altro interlocutore sta ancora parlando, il gesto di chiudere la chiamata senza salutare li ha resi leggendari.

 

Immagine

Per chiudere davvero, non c’ è niente di meglio del presidente, attualmente Obama, che dopo aver rassicurato il suo popolo contro eventuali attacchi terroristici, saluterà la Nazione con il classico “Dio benedica l’ America”  mentre un Texano con addosso il suo classico cappello da cow boy ci darà le spalle, alzerà il braccio destro per salutare e solo cosi partiranno i titoli di coda.

Non so voi ma io con questi semplici passaggi una trama per un film ce l’ avrei già. Spero di esservi stato d’aiuto. Grazie

 

Salvatore Sau

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...