IL GIOVANE FAVOLOSO: TUTTO CAMBIA, NIENTE CAMBIA

Leo2

Parliamoci chiaro: indubbiamente l’operazione artistico-commerciale volta a sorreggere il rilancio di uno dei più grandi poeti dell’italico stivale era sulla carta oggettivamente interessante. Ogni elemento, a partire dal discutibile titolo del lungometraggio, sembrava evocare un necessario rinnovamento, una visione del tutto nuova (come suggerisce la locandina che raffigura il volto di Leopardi rovesciato) che avrebbe permesso la giusta riabilitazione di un letterato non proprio amato dai giovani e brufolosi studenti del liceo. L’innovazione e la sperimentazione purtroppo però si fermano esclusivamente alla scelta del soundtrack e a qualche sporadica sequenza onirica. Per onestà intellettuale va ammesso che Martone, autore valido e talentuoso, non è stato probabilmente il regista più indicato per rivoluzionare il personaggio poiché troppo a suo agio tra i meandri della Storia e dei film in costume per lasciarsi completamente assuefare dal tanto agognato alone sperimentale.  Il plot è estremamente fedele alla realtà (forse anche troppo se si considerano le assimilazioni integrali in sceneggiature dello scambio di epistole con Giordani): un poeta immortale, una famiglia intransigente, un’esistenza dilaniante. Presentato a Venezia dove ha riscosso un discreto successo, l’ultima opera di Martone è un prodotto sostanzialmente schizofrenico: alla buona interpretazione di Germano coadiuvata, come si diceva pocanzi, dall’eccellente colonna sonora di Apparat, si contrappone una sceneggiatura più zoppicante di Leopardi stesso. Il film, come ha ammesso proprio il regista, è frammentariamente spaccato in tre parti: la convincente infanzia a Recanati, la lunga e soporifera transizione tra Firenze e Roma e la folkloristica ripresa napoletana. Restano in mente alcune suggestive inquadrature pittoriche così come le piuttosto inaspettate statiche e banali recitazioni delle poesie. Per rilanciare la figura del conte marchigiano in sostanza ci si attendeva sicuramente qualcosa di più  coraggioso. Peccato.

P.S. E’ estremamente importante ad ogni modo che siano film d’autore come questo a trascinare gli incassi del cinema italiano.

Francesco Pierucci

2 pensieri su “IL GIOVANE FAVOLOSO: TUTTO CAMBIA, NIENTE CAMBIA

  1. francesac ha detto:

    IO L’HO VISTO PROPRIO A VENEZIA…MARTONE FA RIMA CON MATTONE….HO ANCHE APPESO IL PARERE SULLA LAVAGNA DI “ridateci i soldi”…ho scritto che lo segnalavo a mia madre come cura per l’insonnia…

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...