I PEGGIORI SUPER EROI DEI FUMETTI

Mantelli, costumi colorati, maschere improponibili, i super eroi americani ci hanno abituati a tutto… ma a volte certi fumetti riescono ancora a colpirti per stupidità e cattivo gusto.

Matter-Eater Lad

mattereater

Tritarifiuti umano, milita nella Lega dei Super Eroi. Ha il potere di riuscire a mangiare qualsiasi cosa: cibo avariato, copertoni, metallo, armi di distruzione cosmica (DC).

 Groot e Rocket

rocket-raccoon-and-groot

Li conoscete bene questi due, il procione e l’albero parlante che combattono tra i Guardiani della Galassia. Strani forte davvero (Marvel).

The Amazing Bag-man

bag-man

L’Uomo Ragno scopre che il suo costume nero è in realtà un alieno durante una visita ai laboratori dei Fantastici Quattro, così dopo aver momentaneamente neutralizzato Venom, Johnny Storm organizza un brutto scherzo a Peter rimasto senza divisa, ed ecco il risultato (Marvel).

Squirrel Girl

squirrel_girl

Che dire della ragazza scoiattolo… una folta coda, parla con gli scoiattoli che la aiutano lanciando ghiande contro i cattivi, ha degli artigli sulle mani e ha fatto da baby sitter per la figlia di Luke Cage (Marvel).

Robin

robin

Andiamo ragazzi, un bambino che di notte salta per i vicoli malfamati in mutande e scarponcini… inquietante! Lasciate perdere che è stato addestrato da Batman (DC).

Brother Power

brotherpower

Questo bizzarro personaggio è l’unico criminale di questa lista (che potrebbe essere più lunga).

Anche noto come The Geek in origine era una bambola, che colpita da scariche elettriche ha preso vita, come un mostro di Frankenstein. Si è scontrato occasionalmente con Batman, e le risate sono garantite (DC).

Big Bertha

bigbertha

Mutante obesa che ha il potere di modificare il suo peso, e più grossa diventa più potente sarà; la cosa pazzesca di Bertha è che può espellere il grasso che accumula durante la battaglia con una grossa bolla che cresce e poi si stacca dal suo flaccido corpicino. Fa parte di un gruppo di sfigati che si fa chiamare ‘Vendicatori dei Grandi Laghi’ (Marvel).

Arm Fall Off Body

images

Questo curioso membro della Legione dei Super Eroi, ha la facoltà (non sto scherzando) di staccare i suoi arti e di usarli come arma (DC).

Super Dupont

superdupont

Se l’America ha Superman, beh la Francia ha Super Dupont… (Pilote-rivista).

Pietro Micheli

UNIPOL BIOGRAFILM COLLECTION: UNA RASSEGNA DA NON PERDERE!

sugar-man

Tra le rassegne interessanti dell’ultimo periodo ci teniamo a promuovere la Unipol Biografilm Collection, un’occasione unica per gli amanti del documentario e del buon cinema in generale. In ventitrè sale del circuito UCI Cinemas sparse per tutta Italia (Lombardia, Lazio, Emilia, Toscana, Liguria, Piemonte, Marche, Umbria e Triveneto) ogni martedì per nove settimane saranno visibili, grazie a I Wonder Pictures, i documentari più importanti (che nei nostri cinema trovano purtroppo sempre meno spazio) in lingua originale con i sottotitoli in italiano. La rassegna che durerà fino ad aprile è cominciata ieri con il botto: il film d’apertura infatti è stato il magnifico Sugar Man, non a caso premio Oscar 2013 per il Miglior Documentario. Imperdibili in futuro per i Disoccupati saranno sicuramente The Look of Silence di Joshua Oppenheimer (che forse ricorderete per The Act of Killing) e The Unknown Known del buon vecchio Errol Morris (presentato a Venezia lo scorso anno).

Insomma, se non andate al cinema vi meritate Checco Zalone!

Francesco Pierucci

OSCAR 2015: I PRONOSTICI DEI DISOCCUPATI ILLUSTRI

I pronostici della serata degli Oscar; I vincitori e gli interpreti migliori secondo gli Illustri.

MERITANO                                                                       VINCERANNO

MATTEO

Boyhood-Gallery-2

MIGLIOR FILM

BOYHOOD                                                                           BIRDMAN

MIGLIOR REGIA

LINKLATER                                                                        LINKLATER

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

KEATON                                                                          REDMAYNE

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

     COTILLARD                                                                              MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

   SIMMONS                                                                                SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

   ARQUETTE                                                                             ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

LEVIATHAN                                                                                          IDA

FRANCESCO

??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

MIGLIOR FILM

GRAND BUDAPEST HOTEL                                                      BOYHOOD

MIGLIOR REGIA

ANDERSON                                                                                 INARRITU

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

REDMAYNE                                                                              REDMAYNE

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

PIKE                                                                                           MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

SIMMONS                                                                                     SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

ARQUETTE                                                                                   ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

IDA                                                                                                IDA

MICHAEL

Brody-Whiplash-1200

MIGLIOR FILM

WHIPLASH                                                                                 BOYHOOD

MIGLIOR REGIA

ANDERSON                                                                             LINKLATER

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

KEATON                                                                                 REDMAYNE

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

MOORE                                                                                      MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

SIMMONS                                                                                   SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

STONE                                                                                   ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

IDA                                                                                               IDA

PIETRO

Birdmankeaton

MIGLIOR FILM

BIRDMAN                                                                            BIRDMAN

MIGLIOR REGIA

ANDERSON                                                                        LINKLATER

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

KEATON                                                                                  KEATON

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

PIKE                                                                                         MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

SIMMONS                                                                                    SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

ARQUETTE                                                                               ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

IDA                                                                                                       IDA

RIMPIANTI DA OSCAR – INCEPTION E IL TORMENTATO RAPPORTO TRA NOLAN E L’ACADEMY

Inception-Widescreen-Wallpaper-1920x1200-2

Memento, The Prestige, Il Cavaliere Oscuro, Inception, Interstellar. Tutti grandi titoli diretti dal britannico Christopher Nolan ma sempre ignorati, vergognosamente, dall’Academy. Quello che Nolan ha portato a casa con questi cinque film è la miseria di tre candidature (e neanche una vittoria): due per la Miglior Sceneggiatura Originale per Memento e Inception e una per il Miglior Film per Inception. E proprio su quest’ultimo titolo vogliamo concentrare la nostra attenzione nell’appuntamento finale di Rimpianti da Oscar, alla vigilia della cerimonia di consegna degli ambiti premi.

Nel 2011 vinse l’Oscar per il Miglior Film Il Discorso del Re di Tom Hooper che, intendiamoci, è un ottima pellicola, fedele dal punto di vista storico e che può vantare prove attoriali indimenticabili da parte di Colin Firth e Goeffrey Rush. Ma, a differenza di Inception, non ha quel valore aggiunto che serve a far entrare un film tra gli intoccabili della storia della settima arte.

La storia è quella di Dom Cobb (Leonardo DiCaprio), un ladro con una capacità peculiare: è in grado di rubare pensieri e idee dal subconscio di una persona mentre sogna. La sua ultima missione, che gli permetterebbe di ritornare negli USA e rivedere i suoi figli dopo tanto tempo, è però quella più ardua: invece di rubare un’idea dal subconscio di una persona, deve attuare il processo inverso, cioè immetterla entrando nel sogno di un soggetto.

Inception è un thriller d’azione fantascientifica basato interamente sul sogno e su come è strutturato il nostro subconscio. Ma la dimensione onirica non è tutto: come in tutti i film di Nolan, i personaggi devono fare i conti con la loro solitudine e con delle realtà parallele che spesso si confondono con il mondo reale.

In questo disegno, DiCaprio (con una prova senza particolari acuti, qui l’Oscar non lo meritava e la mancata candidatura è ineccepibile) non interpreta un personaggio così lontano da quello visto alcuni mesi prima in Shutter Island. Non deludono gli attori feticcio di Nolan Michael Caine, Joseph Gordon-Lewitt, Ken Watanabe e Tom Hardy. La fotografia (come al solito curata da Wally Pfister) sembra ricordare quella di Matrix in termini di spettacolarità e ingegnosità.La colonna sonora di Hans Zimmer è una delle migliori mai composte dal compositore.

Film da vedere e rivedere, da capire e interpretare. Il finale fa riflettere e induce a porci svariate domande. Cosa che probabilmente l’Academy non ha fatto visto che ha snobbato il film premiandolo con 4 Oscar (tutti tecnici, nessuno al regista). Ma resta la consolazione di essere ritenuto dai più uno dei prodotti più rivoluzionari dai tempi di PulpFiction.

Maestri come Kubrick e Hitchcock sono passati a miglior vita senza vincere alcuna delle statuette principali a cui possa ambire un regista (Miglior Film, Miglior Regia, Migliore Sceneggiatura).Non resta che augurarci che a Nolan non tocchi lo stesso spietato destino.

Michael Cirigliano

OSCAR – I VESTITI PEGGIORI DEL RED CARPET

La notte degli Oscar è certo da considerarsi, dopo il Natale, l’evento più celebre del globo. Per una notte, il mondo punta tutta l’attenzione verso la vanitosa Hollywood e attende che siano proclamati quelli che certamente saranno i personaggi più gettonati dell’anno ma; MA, prima che la fatidica frase “…And the Winner is….” venga pronunciata e prima che i riflettori inizino a roteare in cielo  offuscando le discrete stelle del firmamento, noi concentreremo la nostra attenzione su quelle più mortali ed appariscenti di Hollywood.

Perché se c’è una categoria di persone che è certamente più brava, anche del più possessivo regista, a convincere una donna, soprattutto un’attrice, a farle fare quello che vuole come ad esempio conciarsi come una derelitta sentendosi per di più insensatamente bella, è quella degli stilisti.

In attesa dunque della sfilata “TAPPETO ROSSO” Primavera/Estate/Autunno/Inverno 2015 in programma al Kodak Theatre questa Domenica, faremo anche noi delle Nomination divise in categorie, sui peggiori abiti che hanno calcato il tappeto rosso dell’evento: un monito; perché gli orrori del passato non vengano mai più ripetuti.

VINCE, per la categoria “Mr DEEDS GOES TO TOWN” o “la CAMPAGNOLA”:  SALLY FIELD, nel 1980, sfoggiando l’abito assolutamente meno glamour, meno fantasioso e più provinciale che una vincitrice di Oscar come Miglior Attrice Protagonista abbia mai indossato. Con un abito così, agli Oscar, ci puoi arrivare solo con un PICK-UP, baby.

Foto 1

VINCE, per la categoria “BABY BIRBA” o “QUESTO NON E’ UNO SMOKING PER GRANDI”: Pharell Williams nel 2014 con uno sbarazzino pantaloncino corto et scarpa da “investigatopo”.

foto 2

Vince, per la categoria “WEIRD SCIENCE”: MARION COTILLARD, nel 2009 con un abito di Dior che potremmo bonariamente definire in termini di Decostruttivismo. Beffata dall’Alta Moda Francese. Questo abito fintamente colto potremmo differenziarlo tra l’alluminio e l’ Euro-spazzatura.

foto 3

Vincono pari merito, per la categoria “COME TU MI VUOI” o “LA MODA PASSA , LO STILE QUI NON C’ERA”: GEENA DAVIS , nel 1992 e KIM BASINGER alla cerimonia del 1990. Nel 1950 non fono state premiate, nel ruolo di miglior attrice protagonista, due miti del calibro di Gloria Swanson (per “Sunset Boulevard”) e Bette Davis ( AllaboutEve), forse perché la scelta sarebbe stata imbarazzante. Quando l’abito è imbarazzante, che cada Sansone con tutti i Filistei.

foto4 afoto 4 b

Vince, per la categoria “LA MORTE TI FA BELLA”:TILDA SWINTON, nel 2008, indossando un drammatico abito in velluto nero che forse avrebbe valorizzato Greta Garbo nel 1930 ma che in technicolor ha tutta un’altra resa. Bambini, state lontani dagli arcolai.

foto 5

Vince, per la categoria “CABARET” o “QUESTO ABITO E’ UNO SCHERZO”: WHOOPI GOLBERG, nel 1993. Si dice che far ridere sia ciò di più difficile, per un attore. MA con questo abito ci sarebbe riuscita anche Miranda Priestly.

foto 6

Vince, per la categoria “IL COMUNE SENSO DEL PUDORE” o “SULLA LUNA C’E’ FINITO IL TUO SENNO DENTRO AD UNA BOCCETTA”: CHER nel 1988.  Solo una donna coraggiosa come lei avrebbe potuto osare tanto senza dover poi andare da uno psicologo per essersi sentita violata nell’intimo dai flash.

foto 7

Vince, per la categoria “IL VIZIETTO” o “IL PRIDE E’ A GIUGNO”: FAITH HILL, nel 2002. Mmmmmmmm……no. Dopo l’avventura Repubblicana in “StepfordWives” è visibilmente impazzita.

foto 8

Vince, nella categoria “LUCI DELLA RIBALTA” o “CREDERSI CHAPLIN E’ SOLO IL PRIMO PASSO VERSO NAPOLEONE”: DIANE KEATON/ Charlot

foto 9

MA IN REPARTO ABBIAMO ANCHE:

foto10

Al CAPONE ( Celine Dion)

foto11

UN CIGNO(Bjork)

foto 12

 Mr. GOLDFINGER ( Lizzy Gardiner)

E come disse il Diavolo (Al Pacino) una volta…..:“ La Vanità, decisamente il mio peccato preferito”

Andrea Bardusco

TOP 5: L’AMORE OMOSESSUALE AL CINEMA

Fin dalle sue origini il cinema racconta, in modi diversi e tra molti ostacoli, l’amore omosessuale. Dalla danza tra due maschi in Dickson Experimental Sound Film, un prodotto sperimentale della Edison Studios datato 1895 al bacio tra Marlene Dietrich, travestita da uomo, e una donna in Marocco (1930), da Charlie Chaplin che bacia una donna mascherata da uomo in Charlot macchinista c(1916) ai tormenti della MacLaine, innamorata di Audrey Hepburn in Quelle due (1962). Nonostante le censure che ne hanno brutalmente dimezzato (se non di più) i titoli, principalmente il codice Hays a Hollywood durante il periodo classico che elimina i riferimenti omosessuali presenti nei libri da cui sono stati tratti capolavori come Giorni Perduti di Billy Wilder o Rebecca la prima moglie di Hitchcock, sono tanti i film che trattano questa tematica. Gli ultimi Pride, The Imitation Game o La vita di Adele, che hanno avuto molto successo di critica e pubblico, non fanno altro che confermare e rilanciare una tematica che in passato ha regalato molti capolavori. Ecco qui i nostri cinque preferiti.

5

brokebackmountain

I SEGRETI DI BROKEBACK MOUNTAIN

Ang Lee, 2000. Due cowboy che lavorano occasionalmente assieme per la stagione estiva nella località di Brokeback Mountain, hanno un’attrazione reciproca che sfocia in un rapporto sessuale. La vita li porta in direzioni differenti, ma il cuore resta sulle montagne. Un film sensibilissimo, emozionante, ben girato. La tematica è prima gettata come un macigno sulla trama poi trattata con leggerezza disarmante. “Heath Ledger sembra Marlon Brando”, disse Ang Lee. Come dargli torto.

4

fetchimg_autore

GIOVENTU’ BRUCIATA

I protagonisti del film sono altri, ma il personaggio di Sal Mineo è indimenticabile.

3

qualcosa

QUALCOSA E’ CAMBIATO

Una sceneggiatura tra le migliori degli ultimi anni; il film ha negli scambi di battute tra il perfido disturbato Melvin e il sensibile omosessuale Simon i suoi momenti più alti. In questo film c’è la dichiarazione d’amore più bella della storia del cinema. Nicholson e Hunt ebbero meritatamente l’Oscar nell’anno di Titanic; lo meritava anche Greg Kinnear come Non Protagonista. Peccato.

2

milk

MILK

Non devo certo parlarne io; il film ha avuto un successo tale da esser conosciuto e osannato da tutti. Sean Penn, attore protagonista, ebbe l’Oscar come Miglior Attore.

1

il-vizietto-visore.6234_big

IL VIZIETTO

La vita di Renato e Albin, coppia omosessuale che da anni gestisce un locale a Saint Tropez, viene sconvolta dalla comparsa del figlio del primo, frutto di un’unica, randagia esperienza etero. Film cult di Eduard Molinaro, con Tognazzi e Serrault in forma smagliante. Commedia deliziosa.

Matteo Chessa

CINEMA: DIZIONARIO CRITICO-ITALIANO/ITALIANO-CRITICO

critico-cinematografico

Questo articolo ironico ha un unico obiettivo: agevolare un ipotetico lettore che si avvicina per la prima volta al mondo della critica cinematografica. L’adepto verrà aiutato a districarsi tra le sibilline frasi dei giornalisti distinguendo tra “ciò che scrivono” e “ciò che realmente intendono”.

COSA SCRIVE                                                                                COSA INTENDE

Interpretazione magistrale                                                         Il doppiatore è stato bravo

Trama complessa                                                                       Non ho capito un cazzo

Lo spettatore si diverte/annoia                                              IO mi sono divertito/annoiato

Film  intriso di significati                                                            Mi sono addormentato

Film adrenalinico                                                                    Non mi sono addormentato

Un remake scrupoloso                                                                        Una copia

AGGETTIVI USATI IN MODO IMPROPRIO

Cronenberghiano                                                       Ci sono sangue e schifezze random

Andersoniano                                                                                               Colori pastello

Tarantiniano                                                                                     Killer e dialoghi serrati

Felliniano/Lynchiano                                                                        C’è UNA scena onirica

Nolaniano                                                                                    Non ho capito un cazzo 2

Eastwoodiano                                                                           Antieroe violento e fascista

Burtoniano                                                                                         Film cupo e grottesco

Alleniano                                                                                  C’è UNA battuta sugli ebrei

Aiutateci ad aggiungere altre voci al nostro dizionario!

Francesco Pierucci

CINQUE SPIDERMAN CHE VOGLIAMO VEDERE AL CINEMA

Fresca di giorni la notizia che la Disney ha ottenuto il via libera per utilizzare il personaggio Spider-Man nei suoi film; La Sony è tuttavia ancora la proprietaria dei diritti cinematografici e farà in futuro i suoi film su Spidey che però ora saranno inseriti nel mondo di Avengers, una roba tipo Hulk che prima era della Universal, solo che questa volta dubito che il personaggio tornerà velocemente a casa.

Immediato il successivo annuncio che l’Uomo Ragno parteciperà al terzo film di Capitan America: Civil War… e giù con la fantasia di tutti i fan, eccovi allora 5 cose di Spiderman e del suo mondo che mi piacerebbe vedere al cinema, a partire proprio dal suo esordio nel Marvel Cinematic Univers:

5

bugle

DAILY BUGLE

Una cosa carina che dovrebbe iniziare ad apparire nei film di Iron Man e Co. e nei futuri film sull’Uomo Ragno è il famoso giornale newyorkese che appare nei fumetti Marvel ogni volta che qualcuno cerca notizie… c’é anche la versione online e un blog, sono al passo coi tempi in fondo…

4

agentofshield

AGENT OF SHIELD

in una recente versione animata di Spiderman, lo S.H.I.E.L.D. arruola il super eroe per addestrarlo e renderlo più efficiente sul campo di battaglia contro i criminali, situazione davvero carina che andrebbe sfruttata anche al di fuori della tv. Certamente il classico teen movie stile Percy Jackson è già servito ma con una buona dose di tocco Marvel lo strafalcione si può evitare.

3

download

IRON SPIDEY

Iron Man una volta ha realizzato un’ armatura per il suo collega super eroe.

Un costume davvero figo che al cinema farebbe un figurone, Giuda chi dice il contrario.

 2

broscience

BRO- SCIENCE

Una caratteristica fondamentale di Peter Parker dei fumetti, che negli ultimi film Sony è stata sfruttata davvero bene (malgrado i brutti risultati), è l’amore per la scienza.

Anni fa, Spider-Man ha creato una bellissima collaborazione intellettiva con Tony Stark che ha portato a importanti invenzioni, prima tra tutte la ragno-armatura sopra citata.

Situazione analoga la si vede nei film degli Avengers tra Iron Man e Bruce Banner, forse aggiungere un elemento al equazione porterebbe a qualcosa di esplosivo. Io ci spero!

 1

unmasked

UNMASKED

Civil War = Uomo Ragno senza maschera in diretta TV

La cosa che noi e tutti ci aspettiamo di vedere nel prossimo film con Capitan America è proprio la conferenza stampa in cui Spidey rivela al pubblico la sua identità civile. Un momento topico nella storia del fumetto che difficilmente si realizzerà al cinema, per ovvie ragioni, ma che meriterebbe sicuramente spazio nei prossimi progetti sul personaggio.

Pietro Micheli

RIMPIANTI DA OSCAR – MYSTIC RIVER, LA FORZA DEL PASSATO SECONDO CLINT EASTWOOD

mystic-river-peliculas-policiacas

Mentre in Italia Simona Ventura da lì a qualche giorno avrebbe condotto il peggior Festival di Sanremo della storia della più grande kermesse italiana, a Los Angeles il 29 febbraio 2004 fu il giorno dell’apoteosi de Il Signore degli Anelli – Il ritorno del re di Peter Jackson che si aggiudicò 11 statuette (su 11 candidature) eguagliando il record di Titanic e Ben Hur.

Non stiamo parlando del capitolo migliore della saga (tant’è che l’Oscar è da ritenere un riconoscimento all’intera trilogia) e nemmeno del migliore tra i candidati di quell’anno visto che il 2004 segnò anche il ritorno ad altissimi livelli di Clint Eastwood con uno dei suoi lavori migliori in assoluto, Mystic River.

Le vicende iniziano nel 1975: un bambino viene prelevato da un uomo portato via con un’auto. Verrà violentato e poi riuscirà a fuggire. Due suoi compagni scampano alla stessa sorte. 25 anni dopo, l’uomo, Dave (interpretato da Tim Robbins) ha una moglie (Celeste, Marcia Gay Harden) e un figlio. I suoi due amici sono divenuti uno un poliziotto (Sean, Kevin Bacon) e l’altro un commerciante (Jimmy, Sean Penn). Un giorno la figlia diciannovenne di quest’ultimo viene trovata massacrata e i sospetti ricadono proprio su Dave. Questo è solo l’inizio di un thriller atipico che non si risparmia colpi di scena (come lo stesso finale che lascia letteralmente senza fiato) ma che fa dell’esplorazione degli stati d’animo e delle esistenze dei personaggi il suo punto di forza.

Clint girò la pellicola in soli 39 giorni (si superò l’anno seguente girando Million Dollar Baby in 37 giorni) portando sullo schermo il romanzo La morte non dimentica di Dennis Lehane (che interpreta un cameo, appare su una decappottabile durante la parata finale). Il risultato è un film doloroso e carico di riflessioni profonde e angoscianti che ritrae abilmente le diverse modalità di interpretazione delle vicende esistenziali a partire dalle differenti reazioni al lutto e al dolore che divergono a seconda delle esperienze vissute in passato. È un film che guarda indietro, con flashback e analogie, attraverso un viaggio interiore che i tre protagonisti si trovano a dover affrontare. E per un’opera del genere, il regista californiano trova in Sean Penn e Tim Robbins due interpreti ideali (premiati entrambi con l’Oscar). Il primo, uno dei migliori attori degli ultimi anni, domina la scena riuscendo a conferire al personaggio del padre dilaniato dal lutto una profondità e una complessità indescrivibili. Robbins interpreta magistralmente la parte dell’adulto problematico in lotta con i fantasmi del suo tragico passato di vittima e continuando a essere vittima, ma del suo destino. Bene anche Kevin Bacon, bravissimo nel far nascondere i problemi del suo Sean al mondo e soprattuto a se stesso.

Peccato per Clint Eastwood che non si portò a casa nemmeno la Miglior Regia (vinse Peter Jackson) ma si sarebbe riscattato l’anno dopo stregandoci ancora una volta e per l’ennesima volta, con Million Dollar Baby.

Michael Cirigliano

SELMA-LA STRADA PER LA LIBERTA’ :MALE L’ESORDIO CINEMATOGRAFICO DI MLK

selmathumb-1415393489596

Fresco di premio Nobel per la pace, Martin Luther King jr decide di marciare dalla cittadina Selma, Alabama, verso la capitale Montgomery assieme alla comunità nera riunita sotto i suoi ideali, al fine di convincere il titubante presidente Johnson a rivedere la legge sul diritto di voto per i neri americani spesso abusata nella maggior parte degli stati del Sud USA. Vengono fatti tre tentativi, il primo bloccato violentemente (King non era presente per motivi familiari) in diretta tv, il secondo (con un gruppo più vasto che aveva visto unirsi molti religiosi e bianchi che appoggiavano i diritti dei marcianti) interrotto dallo stesso King per paure di trappole durante il cammino, il terzo, appoggiato dalla legge, vincente.

Parla di questo fatto storico Selma – La strada per la libertà, quarto lungometraggio della regista statunitense Ava DuVernay al suo primo titolo importante, attesissimo esordio sul grande schermo di Martin Luther King jr ancora mai rappresentato da nessuna pellicola (tolte le sporadiche e inconsistenti apparizioni in altri prodotti, non ultimo The Butler). L’interessante intento, riuscito, della regista di demitizzare la figura del leader pacifista per mostrarcelo dubbioso, spaventato, demagogico, distanziato, non è purtroppo accompagnato da una sceneggiatura interessante che trattenga l’attenzione dello spettatore per 128’. Troppa poca storia per un film storico (tutt’al più la si da per scontata),la sottotrama matrimoniale non è abbastanza forte da reggere il confronto con la trama principale nonostante sia importante per mostrarci le fragilità del protagonista; inoltre alcune scene sono veramente ridicole e mal girate, su tutte la parentesi in tribunale. Monotono, scialbo, senza alcun cambio di marcia , ha come maggior difetto la troppa differenza di bravura attoriale tra David Oyelowo, che interpreta il dottor King in maniera a tratti imbarazzante per la pochezza di spessore (anche se gli assomiglia incredibilmente), e i vari Tom Wilkinson (Johnson), Tim Roth (Wallace, governatore dell’Alabama), Cuba Gooding Jr (che si vede poco ma convince più del protagonista). Oprah Winfrey, attrice ma soprattutto produttrice del film, vantò apertamente Oyelowo un anno fa al David Letterman Show, durante la presentazione di The Butler in cui interpreta il figlio maggiore del maggiordomo (quello che sta antipatico a tutti), scommettendo sul suo futuro roseo. Come Charles Foster Kane che sperperò soldi in teatri lirici per “cancellare le virgolette dei giornali che etichettavano ballerina sua moglie”anche lei è disposta a dilapidare un patrimonio intero pur di riuscire nell’impresa dichiarata. Per ora la sta perdendo miseramente. Peccato, è pieno di straordinari attori giovani e afroamericani.

Matteo Chessa