MARZO-MAGGIO 2016: LE NOVITA’ CINEMATOGRAFICHE DA TENERE D’OCCHIO

Ogni anno il periodo immediatamente successivo agli Oscar si rivela piuttosto avaro in termini di qualità dei prodotti cinematografici. Nelle stagioni più recenti tale vuoto è stato colmato dai cinecomics grazie ai quali un minimo interesse è tornato a circolare attorno al cinema in questo periodo notoriamente privo di attrattiva. E, come vedremo, anche quest’anno i film sui supereroi non mancheranno.

Oltre a ciò, segnaliamo un’occasione in più per andare al cinema: dall’11 al 14 aprile si terranno i CinemaDays, un’iniziativa che permetterà di acquistare il biglietto a soli 3 Euro nelle moltissime sale aderenti e in tutti gli spettacoli delle quattro giornate.

Di seguito vi segnaliamo gli appuntamenti più interessanti dei prossimi due mesi.

 

BATMAN V SUPERMAN: DAWN OF JUSTICE (Uscita: 23 marzo)

BATMAN-SUPERMAN.jpg

Seguito de L’uomo d’acciaio del 2013, accolto tiepidamente dalla critica ma con un più che buono riscontro al botteghino, il nuovo lavoro di Zack Snyder (regista oltre che de L’uomo d’acciaio, anche di Watchmen e 300) è stato annunciato quasi tre anni fa al Comic-Con di San Diego e le prime riprese risalgono addirittura al 19 ottobre 2013 a Los Angeles.

La pellicola vede la conferma di molti degli interpreti visti ne L’uomo d’acciaio come Henry Cavill, Amy Adams, Diane Lane, Laurence Fishburne, e Christina Wren. A questi si aggiungeranno, tra gli altri, Ben Affleck come Batman, Gal Gadot come Wonder Woman, Jesse Eisenberg come Lex Luthor e Jeremy Irons come Alfred Pennyworth. Grande attesa per il debutto di Ben Affleck come Cavaliere Oscuro: i confronti con i precedenti, soprattutto con il recentissimo Batman di Christian Bale, si sprecheranno.

Ben è in trattative per dirigere e co-sceneggiare insieme a Geoff Johns un nuovo film di Batman, che potrebbe anche portare alla realizzazione di una trilogia. Ma per ora sono solo indiscrezioni.

Confermato anche Hans Zimmer per la colonna sonora (che se ne occupò anche nella trilogia di Nolan) e vi sarà anche l’importante ritorno per Larry Fong alla fotografia (affermatosi con la serie TV Lost), che torna così a collaborare con Snyder.

Uscirà in Italia due giorni prima rispetto agli USA, inutile dire che è uno dei film più attesi degli ultimi anni.

 

LAND OF MINE – SOTTO LA SABBIA (24 marzo)

land-of-mine-sotto-la-sabbia-film-2016.jpg

Nonostante sia passato un po’ in sordina tra gli addetti ai lavori, è invece uno dei prodotti più interessanti dell’anno perché ha il non indifferente merito di raccontare una pagina poco conosciuta della storia del secolo scorso. Il regista danese Martin Zandvliet infatti racconta come alla fine della seconda guerra mondiale i prigionieri di guerra tedeschi detenuti in Danimarca con la minima o nessuna esperienza nel settore, furono inviati a disinnescare più di due milioni delle loro mine dalla costa occidentale danese. Durante l’operazione, più della metà di loro rimasero uccisi o gravemente ferito.

Incredibilmente attento e spinoso, il film racconta il desiderio di vendetta, ma anche il ritrovamento del senso di umanità di un popolo dilaniato dalla guerra e ha il merito di fare luce su questa tragedia storica che, evitata volontariamente da molti storici, fa ancora oggi vergognare la Danimarca.

 

LOVE & MERCY (31 marzo)

Love-Mercy_poster_goldposter_com_3.jpg

«Se dovessi eleggere un genio vivente del pop, direi Brian Wilson.» Così George Martin, il leggendario produttore dei Beatles scomparso qualche giorno fa, definiva il fondatore e frontman dei Beach Boys. Candidato a due Golden Globes (migliore attore non protagonista per Paul Dano e migliore canzone originale), racconta l’ascesa della mitica band e la controversa vicenda della malattia mentale di Wilson, sottomesso psicologicamente dal suo analista, il dottor Eugene Landy, interpretato da Paul Giamatti.

Diretto dal figlio multi-miliardario Carl Pohlad, Bill Pohlad che ha prodotto alcuni dei film più interessanti dell’ultimo decennio come I segreti di Brokeback Mountain, The Tree of Life e 12 anni schiavo. Da vedere.

 

IL LIBRO DELLA GIUNGLA (14 aprile)

53322_ppl.jpg

Il regista dei primi due Ironman, Jon Favreau dirigerà il remake dell’omonimo classico Disney del 1967 ispirato al libro di Rudyard Kipling, nonché secondo live-action dopo Mowgli – Il libro della giungla del 1994. Doppiatori della versione in lingua originale saranno attori del calibro di Bill Murray, Ben Kingsley, Idris Elba, Lupita Nyong’o, Scarlett Johansson, Christopher Walken e Giancarlo Esposito. Neel Sethi, che interpreterà Mowgli, sarà l’unico attore in carne ed ossa, mentre il resto del cast darà voce in originale agli animali realizzati in CGI.

Il libro della giungla arriverà circa un anno prima di un altro adattamento del classico di Rudyard Kipling, The Jungle Book: Origins, che uscirà nei cinema il 6 aprile 2017 e segnerà anche l’esordio alla regia dell’attore Andy Serkis.

 

ZONA D’OMBRA (21 aprile)

Zona-d’ombra-Concussion.jpg

Dopo la nomination ai Golden Globes, Will Smith è stato snobbato agli Oscar, evento da cui sono conseguite numerose  polemiche riguardo al colore della pelle dei 20 attori candidati. Tornando al film, Concussion (è questo il titolo originale) racconta la vera storia del dottor Bennet Omalu, neuropatologo nigeriano che scoprì la CTE (encefalopatia cronica traumatica), malattia degenerativa che colpisce il cervello dopo i ripetuti colpi subiti alla testa. Ciò porto il dottor Omalu ad iniziare una battaglia contro la NFL, accusandola per la poca importanza data alla salute dei giocatori. Buona la prova da parte di Will Smith, che torna a convincere dopo qualche anno di buio. Nel cast figura anche il candidato all’Oscar per The Cooler, Alec Baldwin.

 

ELVIS & NIXON (22 aprile)

elvis-nixon-michael-shannon-kevin-spacey.jpg

Il famoso incontro tra l’allora Presidente degli Stati Uniti Richard Nixon e il leggendario cantante Elvis Presley era già stato raccontato nel film per la televisione Elvis Meets Nixon del 1997. Quasi vent’anni dopo, grazie alla produzione di Amazon Studios, arriva anche al cinema con Kevin Spacey nei panni di Nixon e Michael Shannon nel ruolo di The King. La storia è arcinota: il 21 dicembre del 1970 Elvis si recò alla Casa Bianca con l’obiettivo di ottenere la nomina ad agente dell F.B.I., cosa che avvenne (fu nominato per la sezione narcotici).

Sarà interessante vedere Kevin Spacey nei ruoli di un presidente americano diverso da quel Frank Underwood che gli ha restituito la gloria. Nel cast anche Colin Hanks (figlio del premio Oscar Tom) e la star di O.C. Tate Donovan.

 

DEMOLITION (28 aprile)

demo.jpg

Ormai il regista Jean-Marc Vallée non necessita più di presentazioni dopo averci strabiliato con Dallas Buyers Club e convinto con C.R.A.Z.Y. e lo scorso anno con Wild, che ha regalato le nomination come migliore attrice protagonista a Reese Witherspoon e come migliore attrice non protagonista a Laura Dern.

Presentato al Toronto Film Festival nel settembre 2015, il film racconta la vita di Davis (Jake Gyllenhaal), un investitore di successo, rimasto sconvolto dalla morte della moglie in un incidente stradale. Una sera, scrivendo una lettera di reclamo a una società di distributori automatici, si sfoga in una serie di lettere che rivelano sorprendenti ammissioni personali, che poi spedisce al servizio clienti della società. Le lettere di Davis catturano l’attenzione del rappresentante del servizio clienti Karen (Naomi Watts). Davis e Karen si conoscono e Davis ricomincia così a ricostruire la propria vita.

Ennesima buona prova per Jake Gyllenhaal che, dopo l’ottima interpretazione in Nightcrawler dello scorso anno, è stato ancora una volta snobbato agli Oscar.

 

 

CAPTAIN AMERICA: CIVIL WAR (4 maggio)

captain-america-civil-war.jpg

Da Ironman del 2008, primo film del Marvel Cinematic Universe, ne è passata di acqua sotto i ponti: questo è il tredicesimo film nonché primo della cosiddetta “Fase 3” che culminerà con Avengers: Infinity War (a sua volta diviso in due capitoli che usciranno nel maggio del 2018 e del 2019).

Si tratta di un parziale adattamento del fumetto di Mark Millar Civil War e sarà anche il seguito di Captain America: The Winter Soldier, uscito nel 2014. Dopo l’ottimo successo di pubblico e critica  di quest’ultima pellicola, sono stati confermati i registi Anthony e Joe Russo. Sarà l’ultimo film stand alone previsto dal contratto di Chris Evans ma non sono esclusi ulteriori seguiti.

Oltre all’atteso scontro tra Ironman (sempre interpretato da Robert Downey Jr.) e Captain America che si ritroveranno a capo di due diverse fazioni di supereroi in seguito all’approvazione di una legge che regola tutte le attività superumani, ci sarà anche il debutto del nuovo Spiderman di Tom Holland con l’Uomo Ragno che per la prima volta apparirà in un film sugli Avengers.

 

X-MEN: APOCALYPSE (19 maggio)

xmen.jpg

Il glorioso ritorno di Bryan Singer alla regia di un film sugli X-Men, dopo undici anni in cui il regista de I Soliti Sospetti non aveva fatto grandi cose, ha avuto il non scontato merito di migliorare i consensi ricevuti dal già interessante X-Men – L’inizio di Matthew Vaughn. E così dopo Giorni di un futuro passato, rieccolo a dirigere una nuova avventura in cui gli X-Men avranno a che fare con Apocalisse, il primo e il più potente dei mutanti, che ha deciso di reclutare una squadra di mutanti, tra cui Magneto, per purificare l’umanità e creare un nuovo ordine mondiale.

Come nella pellicola precedente il cast sarà a cinque stelle: confermati, tra gli altri, Michael Fassbender e Jennifer Lawrence. Apocalisse sarà invece interpretato da Oscar Isaac, reduce dai successi di Ex Machina e soprattutto di Star Wars: Il risveglio della Forza.

 

ALICE ATTRAVERSO LO SPECCHIO (25 maggio)

 alice-1.jpg

Se Alice in Wonderland del 2010 fu un successo di pubblico clamoroso, lo stesso non si può dire per l’accoglienza da parte della critica, dissonanza comune a molti film di Tim Burton. Quest’ultimo non dirigerà l’imminente nuovo capitolo che invece sarà vedrà dietro alla macchina da presa il quasi debuttante James Bobin, che finora aveva diretto solamente i due film sui Muppets. Tra gli interpreti confermati Mia Wasikowska (che sarà di nuovo Alice), Johnny Depp, Anne Hathaway e Helena Bonham Carter. L’antagonista del film sarà interpretato da Sacha Baron Cohen, star del fenomeno Borat che gli portò addirittura un Golden Globe come miglior attore protagonista in un film commedia.

La sceneggiatura sarà ancora di Linda Woolverton, ormai un’abitudinaria di casa Disney per la quale ha scritto indimenticabili classici come Il Re Leone, La bella e la bestia e Mulan.

Non ci aspettiamo molto ma non sarà difficile fare meglio del capitolo precedente.

 

Michael Cirigliano

captain-america-civil-war.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...