OFF TOPIC: “IL PASSO IN PIÙ” DI FRANCESCO PIERUCCI

progetto-senza-titolo-1

Buongiorno cari Disoccupati,

oggi vado offtopic per promuovere un libro che mi è piaciuto tantissimo: il mio.

Scusate se approfitto di questo spazio ma essendo io il Fondatore Illustre me lo posso permettere e voi non potete farci niente (gnègnè).

“Il passo in più” è un romanzo di (de)formazione on the road che gli amanti di cinema non potranno non apprezzare.

MA DI COSA PARLA “IL PASSO IN PIÙ”?

Dopo il successo del suo primo romanzo Il passo in più, uno scrittore non riesce più a ritrovare l’ispirazione. Decide così di partire per un disperato viaggio on the road con la sua fidata Underwood Standard in cerca della creatività perduta. Durante il percorso a bordo della sua auto sgangherata incontrerà suo malgrado una serie di personaggi decisamente grotteschi tra cui uno sceneggiatore obeso, un falacrofobico con manie di grandezza e una pescivendola napoletana senza scrupoli. Tra fughe, risate, arresti e incidenti di ogni tipo, il protagonista vivrà un’avventura surreale dalle forti tinte cinematografiche che sarà difficile dimenticare.

DOVE COMPRARE IL LIBRO

IBS

E per non farci mancare nulla vi aggiungo un book teaser alla Lynch dove non si capisce una ceppa:

Per domande, obiezioni, perplessità, chiedete pure. Intanto un  caloroso saluto a tutti dal Fondatore Illustre.

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 60.000 volte in 2015. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 22 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

OGNI OFELÈ AL FA EL SO MESTÈ = A CIASCUN PASTICCIERE LA SUA SPECIALIZZAZIONE.

124775_1801046_MAngo_10044946_medium

La vicenda del video amatoriale che riprende il malore in diretta del cantante Mango ha fatto scalpore e indignato gruppi di lettori e di opinionisti che si sono schierati, come sempre accade, tra quello che è ritenuto il bene e quello che è ritenuto il male. Ma attenzione. Guai  a dire che il Bene corrisponda col legittimo. Il giornalista ha una deontologia. Anche un rispetto delle persone, che però non può collimare sempre con quelle che sono le finalità del mestiere, dare una notizia. Il che può sembrare orribile, e magari lo è.

Non vi sono specifiche norme deontologiche, almeno ragionando a caldo, che vietino di pubblicare questi tipi di contenuti. E seppure qualcuno dovesse riuscire a trovarle, sarebbe opportuna una più ampia documentazione che ripercorra immagini che chiunque, un po’ più anziano di noi, può ricordare. L’11 giugno 1984 Enrico Berlinguer teneva un discorso a Padova. Un comizio, per meglio dire. Sopraggiunse un malore, Berlinguer provò a continuare il suo discorso, ma non ci riuscì. Morì poco dopo in ospedale.

Ma andiamo più indietro, sperando che qualche lettore possa darne testimonianza.

Il 9 maggio del 1978 il cadavere di Aldo Moro fu ritrovato all’interno di una Renault 4. Le telecamere (non così tante come oggi…) ripresero tutto: il ritrovamento e persino la benedizione del prete.

Le immagini parleranno al posto di chi scrive.https://www.youtube.com/watch?v=TOVrxtHKnOM

Detto ciò, è inevitabile parlare di morale. Ma i giornalisti fanno cronaca, non moralismo. Né si è mai sentito parlare di un manuale della morale, che in molti dimostrano di aver studiato.

Moralismo che, però, in questa vicenda, viene sottolineato da redattori e scrittori che, quotidianamente, su riviste cosiddette “patinate” si occupano di gossip, a volte ai limite di norme deontologiche che, stavolta, è più facile trovare. Il che è legittimo e rispettabile, dato il tipo di giornalismo diffusissimo e dagli ottimi incassi. Così come va tutta la stima a questo tipo di informazione.

Meno legittimo è, però, fare della coerenza un nemico.

Billy

THE LIEBSTER AWARD: NOMINATION!

Vorremmo ringraziare Comicsmovie per averci nominato al Liebster Award. Innanzi tutto, partiremo esponendo le regole da seguire, nel caso in cui abbiate ricevuto una nomination.

1. Per prima cosa bisogna ringraziare chi ti ha nominato e linkare il suo blog.
2. Bisogna rispondere alle domande da esso poste.
3. Nominare 10 blog che non hanno un numero eccessivo di follower.
4. Proporre 10 domande.
5. Comunicare la nomination ai 10 blog.

Queste le domande:

1. Ti piacerebbe adattare un personaggio dei fumetti al cinema o in tv?

Mi piacerebbe vedere finalmente una trasposizione cinematografica di Preacher.

2. Qual’è il film che ti ha emozionato maggiormente?

Ferro 3 di Kim Ki-duk.

3. Ritieni che ci sia un attore particolarmente sottovalutato?

Il bravissimo Adam Driver.

4. C’è qualcosa che cambieresti nella tua vita?

Non mi posso lamentare. Logicamente si può sempre migliorare qualcosina. Magari trovare un lavoro…

5. In quale nazione ti piacerebbe vivere?

Direi Spagna.

6. Qual’è il tuo scrittore preferito?

Vari. In particolare Agatha Christie e James Patterson.

7. Sei un appassionato di sit-com?

Mi piacciono molto. Soprattutto HIMYM e Scrubs.

8. Esiste un film che proprio non sopporti?

Quasi tutti quelli con Nicolas Cage.

9. Preferisci leggere un libro o guardare un film?

Dipende dalla qualità di entrambi. Tendenzialmente preferisco vedere un film.

10. Qual’è il mistero che ti affascina di più e al quale vorresti dare una risposta?

E’ nata prima la mazzetta o il politico?

 

Le dieci nomination:

http://cinemastino.wordpress.com/

http://cinemadalbasso.wordpress.com/

http://scalinatadiodessa.wordpress.com/

http://cinedeafroma.wordpress.com/

http://laulilla.wordpress.com/

http://emmaci.wordpress.com/

http://albertogallo.wordpress.com/

http://fratellimarxcinema.wordpress.com/

http://primoannocinema.wordpress.com/

http://theemeraldforest.wordpress.com/

 

Queste le nuove dieci domande:

1) Qual è il tuo regista preferito?

2) Qual è l’obiettivo del tuo blog?

3) Qual è il miglior articolo che hai scritto?

4) Qual è il miglior film che hai visto?

5) Qual è il peggior film che hai visto?

6) Qual è la peggiore trasposizione cinematografica che hai visto?

7) Qual è il miglior cinecomic che hai visto?

8) Qual è il miglior fumetto che hai letto?

9) Qual è il miglior libro che hai letto?

10) Quanto ritieni banali le mie domande da 1 a 10?