1946. GIORNI PERDUTI: CAPOLAVORO DRAMMATICO CHE STRAVOLGE I CANONI HOLLYWOODIANI

Giorni perduti_45

Ma quanto è bello questo film del 1945 di Billy Wilder, giustamente premiato con l’Oscar alla miglior pellicola, miglior regia, sceneggiatura non originale e migliore attore protagonista (lo straordinario Ray Milland, Il Delitto Perfetto per intenderci). Un dramma filmato con lo sguardo cinico e realista di chi non può che limitarsi a raccontare i fatti: Don Birman, scrittore fallito e deluso, si dà all’alcol e, nonostante i tentativi disperati del fratello e della fidanzata, decide di morire raggiungendo la degradazione più totale. Billy Wilder si conferma cineasta di spessore e riesce in questo capolavoro drammatico che tratta il tema dell’alcolismo e capovolge gli stereotipi hollywoodiani del tempo: l’alcolizzato, l’ubriacone, figure utilizzate fino ad allora nella commedia per creare gag divertenti, qui vengono analizzati con cinismo e senza compassione, e ci viene mostrata la degradazione dell’uomo che abusa nel bere (non solo con la recitazione dell’attore ma anche con la fotografia di John F. Seit). Girato per lo più in interni, con qualche esterno di New York catturata in tutta la sua tristezza e solitudine. Unico difetto (personalmente) il lieto fine. Memorabile la scena dell’incubo in cui vi è la lotta tra un pipistrello e un topo. Tratto da un romanzo di Charles Jackson.

Matteo Chessa

NATALE A FUMETTI

A Natale ogni anno fioccano avventure a tema natalizio degli eroi dei fumetti e ricordo con grande affetto una di queste storie, con protagonisti gli X-Men… era il lontano 2005.

300px-X-Men_Vol_2_165

‘X-Men #165’ usciva a febbraio e allora i mutanti vivevano un periodo quasi d’oro: la scuola aveva appena riaperto, i due storici amici Xavier e Magneto lavoravano assieme per la convivenza tra umani e mutanti e il clima tra gli Uomini X era molto disteso, quale occasione migliore per smettere i panni dei super eroi e indossare quelli delle feste. Chris Claremont scriveva i frizzanti testi di ‘Jingle Bells’ in cui vediamo studenti con super poteri distribuire regali giù in paese o servire alla mensa dei poveri, Uomo Ghiaccio lancia palle di neve contro l’odiosa Emma Frost e Bestia che si veste da Babbo Natale. Disegni caldi e vivaci della coppia Larroca/Ro che sono un piacere per gli occhi. MI  CORREGGO cè una missione di salvataggio in pieno stile supereroico! Questo filone apre e chiude il numero, e le vittime salvate, al inizio, da un tremendo incidente si recano in ciusura dagli odiati mutanti per ringraziarli dell’assistenza. Una storia che molti hanno giudicato futile ma che scalda il cuore, rilassa e lascia sapore di Natale e feste, consiglio la lettura sotto un abete illuminato e con una tazza di cioccolata a fianco.

foto

Di tutt’altra pasta una recentissima storia dei Vendicatori. Su ‘Avengers Annual’ di questo dicembre Kathryn Immonem fa una pessimo lavoro con una brutta storia di Natale, e il disegnatore David Lafuente fa un ennesima brutta figura dopo contributi in storie su super eroi teenager per altri mensili. È la Vigilia di Natale e IronMan si rilassa  in piscina, Banner/Hulk si fa un bagno rilassante, Vedova Nera guarda un porno in cameretta e Capitan America fa volontariato alla mensa per poveri (pare vada di moda), poi un albero pieno di addobbi cade rumorosamente e un intruso mette a soqquadro la base degli Avengers. Un tempo questi ‘Annuals’ erano storie si extra ma che davano un contributo serio alle trame degli eroi Marvel; col tempo questa usanza si è persa e le “tredicesime” uscite annuali si sono trasformate in meri esercizi di stile. Le Feste danno spesso alla testa e Babbo Natale si è intromesso in fin troppi lavori a fumetti.

Pietro Micheli

TOP 5: I MIGLIORI FILM DI NATALE

5

Immagine

MAMMA HO PERSO L’AEREO

Film natalizio per eccellenza (assieme ad Una poltrona per due), parodia del celebre dipinto di Munch L’urlo, narra delle disavventure di Kevin McCallister, bambino di Chicago che viene dimenticato a casa dalla famiglia, partita per le vacanze natalizie. La pellicola ha consacrato il piccolo attore Macaulay Culkin, diventato famossissimo a livello planetario. Costato 15 milioni di dollari ne ha guadagnato solo in America 285, raggiungendo complessivamente i 534 milioni. Film per bambini che parla dell’importanza dell’unione familiare. Spicca Joe Pesci nella parte dello svaligiatore di case Harry Lime. Avrà un sequel, inferiore, Mamma ho riperso l’aereo. Risate assicurate.

4

Immagine

BABBO BASTARDO

Willie è un ladro alcolizzato che svaligia i centri commerciali assieme a Marcus, un nano. Travistito da Babbo Natale per lavorare sul luogo del delitto, viene invitato da Thurman, un bambino con evidenti ritardi mentali, a casa sua fino al giorno della vigilia di Natale. Diviso tra i preparativi del colpo e le attenzioni del bambino, che crede di aver davanti il vero Babbo Natale, conosce Sue e se ne innamora. Piccolo gioiello natalizio accolto bene da pubblico e critica (applaudito a Cannes 2004), vede l’ottima interpretazione di Billy Bob Thornton nei panni del fasullo Santa Claus. Il linguaggio scurrile e gretto contrapposto alla pacifica figura del rosso portadoni è esilarante. Alcune scene fanno morire dal ridere. Altro cult del periodo natilizio italiano, televisivamente parlando.

3

images (1)

NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS

Diretto da Henry Selick, prodotto da Tim Burton. Jack Skeletron, capo di Halloween, villaggio di mostri, scopre per caso l’entrata per il regno di Babbo Natale e decide di sostituirlo per la consegna dei regali. Film del 1993, riuscito in versione speciale nel 2006, nasce da un’idea di Tim Burton che, venendo dal successo di Edward mani di forbice e Batman Il ritorno, lo fa girare al suo amico Selick. È realizzato in stop-motion, usando pupazzi tenuti a mano dagli operatori fotogramma dopo fotogramma, con tempi di realizzazione lunghissimi. Ottimo risultato. La voce italiana di Jack è di Renato Zero.

2

locandina

LA VITA E’ MERAVIGLIOSA

Come in Italia c’è Una poltrona per due, in America c’è La vita è meravigliosa, splendida commedia a sfondo natalizio di Frank Capra, mandata in onda da tutte le televisioni americane durante le feste. George Bailey, nato e cresciuto in una piccola cittadina rurale, dopo aver rinunciato per tutta la vita a sogni e aspirazioni pur di aiutare il prossimo, colto dalla disperazione, è sul punto di suicidarsi la sera della vigilia di Natale. In suo soccorso, grazie alle preghiere sue e di amici e familiari, arriverà un angelo custode mandato da Dio. Interpretato da James Stewart, un capolavoro immortale della storia del cinema, considerato uno dei migliori 100 film americani della storia. Preso come esempio per spiegare il valore della vita, nonostante il poco successo di pubblico all’uscita è diventato ben presto sinonimo di Natale. Da vedere.

1

images

IL MIRACOLO DELLA 34° STRADA

Il Babbo Natale di un importante Centro Commerciale newyorkese è ubriaco e viene sostituito da Kris Kringle, che sostiene di essere l’autentico Santa Claus. Preso per matto, viene rinchiuso ma tutto si sistemerà. Una bellissima commedia tratta dal racconto di Valentine Davies. Mescola con intelligenza umorismo e sentimento, accostando ad una trama romantica sulla fantasia e l’importanza dell’esistenza del Natale delle battute satiriche e pungenti sull’economia e sul pensiero americano del tempo (e moderno) in cui guadagnare è più importante che sognare. Tre Oscar, per Edmund Gwenn attore non protagonista, soggetto e sceneggiatura. Film del 1947 di George Steaton, ha un remake del 1994 in cui però manca la magia. Considerato da molti il più grande capolavoro natalizio di Hollywood; anche da noi.

Matteo Chessa

04 FILM BRUTTI- FROZEN: CHE FINE HA FATTO LA CARA VECCHIA DISNEY?

Frozen-Final-Poster-Italia-01-680x365

Nel corso della mia lunga gavetta da spettatore, posso affermare di non aver mai visto un cartone animato più noioso e inutile di Frozen-Il regno di ghiaccio (i 30 minuti di pubblicità che mi sono dovuto sorbire sono niente a confronto…). Il problema principale della pellicola è che ci sono troppe canzoni: a chi sostiene con voce querula che e’ normale che ci siano perché è un musical e i film Disney sono da sempre strutturati così, rispondo che è un’emerita cazzata! Se nei grandi classici infatti le splendide musiche vengono utilizzate per esaltare i momenti più toccanti (come dimenticare il favoloso enguegnamaenguenababara i de Il Re Leone?), in questo caso servono solo per coprire gli enormi buchi di trama grandi quanto le narici di Cirano. I pessimi sceneggiatori (probabilmente ex eroinomani, ora cocainomani) s’ incasinano sin da subito col triangolo amoroso più insignificante dai tempi di Pocahontas 2 (povero John Smith!) e non hanno la più pallida idea di come risolvere il pasticcio.

frozen-il-regno-di-ghiaccio-9-immagini-ufficiali-dei-personaggi-del-nuovo-classico-disney-9

Il fidanzato perfetto, vittima di sceneggiatura…

Nel frattempo, come se non bastasse si dimenticano per circa metà film pure di creare un cattivo e allora, grazie alle “stupefacenti” proprietà del nuovo alcaloide bianco (guarda caso la neve è protagonista assoluta del film), s’inventano la genialata del secolo per poter prendere due piccioni con una fava: il cattivo deve essere un membro del ménage à trois! Peccato che riflettendoci un secondo, è una minchiata colossale: il cattivo in questo caso è l’unico che non può esserlo! Questo povero cristiano infatti è affascinante, gentile,elegante, palesemente innamorato; si prende senza problemi un intero regno in difficoltà sulle sue possenti spalle, inizia a distribuire coperte alla plebaglia che manco a Lampedusa e soprattutto salva la regina da morte certa (che a posteriori è sicuramente un gesto molto sensato!?!)

re

Il re demente che ho dovuto screenshottare dallo streaming perché non si trova su Internet …

Per concludere, più di ogni cosa mi piacerebbe per un momento rivolgermi a quel mentecatto del re per provare a ragionare insieme sulle sue discutibili scelte. Allora, tu hai una figlia (Serena Autieri spero che tu muoia di freddo!!) con poteri magici che ha rischiato di uccidere la sorella.Niente paura! Non si sa bene come, ma hai fortunatamente la possibilità che il capotroll (Granpapà?!?!) la liberi da questo fardello per permetterle di vivere una vita normale e tu che fai? Ti rifiuti sostenendo che da grande riuscirà a controllare la magia anche se e’ palesemente evidente che non sarà così (ti ricordo che stava per compiere un fottuto genicidio!). A questo punto io sorrido e mi chiedo…E anche se fosse? Anche se diventasse la risposta femminile a Aokiji, tu inutile omuncolo irresponsabile cosa diavolo ci guadagneresti? Quali benefici potrebbe ottenere il regno conservatore di Arendelle da questo terribile potere? Ti do un aiutino: NESSUNO!

P.S. Bella morte di merda hai fatto…

 

Francesco Pierucci