OSCAR 2015: I PRONOSTICI DEI DISOCCUPATI ILLUSTRI

I pronostici della serata degli Oscar; I vincitori e gli interpreti migliori secondo gli Illustri.

MERITANO                                                                       VINCERANNO

MATTEO

Boyhood-Gallery-2

MIGLIOR FILM

BOYHOOD                                                                           BIRDMAN

MIGLIOR REGIA

LINKLATER                                                                        LINKLATER

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

KEATON                                                                          REDMAYNE

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA

     COTILLARD                                                                              MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

   SIMMONS                                                                                SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

   ARQUETTE                                                                             ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

LEVIATHAN                                                                                          IDA

FRANCESCO

??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

MIGLIOR FILM

GRAND BUDAPEST HOTEL                                                      BOYHOOD

MIGLIOR REGIA

ANDERSON                                                                                 INARRITU

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

REDMAYNE                                                                              REDMAYNE

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

PIKE                                                                                           MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

SIMMONS                                                                                     SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

ARQUETTE                                                                                   ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

IDA                                                                                                IDA

MICHAEL

Brody-Whiplash-1200

MIGLIOR FILM

WHIPLASH                                                                                 BOYHOOD

MIGLIOR REGIA

ANDERSON                                                                             LINKLATER

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

KEATON                                                                                 REDMAYNE

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

MOORE                                                                                      MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

SIMMONS                                                                                   SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

STONE                                                                                   ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

IDA                                                                                               IDA

PIETRO

Birdmankeaton

MIGLIOR FILM

BIRDMAN                                                                            BIRDMAN

MIGLIOR REGIA

ANDERSON                                                                        LINKLATER

MIGLIOR ATTORE PROTAGONISTA

KEATON                                                                                  KEATON

MIGLIOR ATTRICE PROTAGONISTA

PIKE                                                                                         MOORE

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

SIMMONS                                                                                    SIMMONS

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

ARQUETTE                                                                               ARQUETTE

MIGLIOR FILM STRANIERO

IDA                                                                                                       IDA

GOLDEN GLOBE 2015: TUTTI I VINCITORI (E I VINTI)

055338958-1f9a2e7b-374f-4f1f-88a9-6dd4ad93d3b7

È stata l’edizione dei trionfi inaspettati, dei pronostici mancati ma anche (e soprattutto) dei film migliori premiati. Vincono i due globi (non quelli di JLo pubblicizzati in mondovisione da Jeremy Renner) al Miglior Film Boyhood (per la sezione drammatica) e Grand Budapest Hotel (per quella musicale o di commedia), con tanti saluti a chi faceva il tifo per La teoria del tutto e Birdman di Aleandro Gonzalez Inarritu, il vero sconfitto di questi Globe 2015 (quasi scontata la sua vittoria per la Miglior Regia, si deve invece accontentare del premio alla Sceneggiatura). Chi scrive è, pur nell’umiltà dei suoi gusti e giudizi, molto soddisfatto dei risultati, di cui non condivide solo la sconfitta clamorosa di The Lego Movie (tra i prodotti migliori del 2014) in luogo di Dragon Trainer 2 tra i Migliori Film d’Animazione. Boyhood è un capolavoro che farà la voce grossa anche agli Oscar, Grand Budapest Hotel e lo stile trascinante di Wes Anderson fatto di mise en abyme e architetture russe meritano il premio, Eddie Redmayne offre una incredibile interpretazione per La teoria del tutto e vince giustamente il Migliore Attore Drammatico (ineccepibile la scelta di Michael Keaton per la sezione Commedia). Golden Globe alla carriera per l’innamoratissimo George Clooney che, con la spilla Je Suis Charlie sul petto, ha parole al miele per la neo-moglie Amal.

Qui sotto tutti i premi della serata.

MIGLIOR ATTORE DRAMMATICO
Boyhood
Foxcatcher
The Imitation Game
Selma
The Theory of Everything

MIGLIOR COMMEDIA O MUSICAL
Birdman
The Grand Budapest Hotel
Into the Woods
Pride
St. Vincent

MIGLIOR ATTORE DRAMMATICO
Steve Carell – Foxcatcher
Benedict Cumberbatch – The Imitation Game
Jake Gyllenhaal – Nightcrawler
David Oyelowo – Selma
Eddie Redmayne – The Theory of Everything

MIGLIOR ATTRICE DRAMMATICA
Jennifer Aniston – Cake
Felicity Jones – The Theory of Everything
Julianne Moore – Still Alice
Rosamund Pike – Gone Girl
Reese Witherspoon – Wild

MIGLIOR ATTORE – COMMEDIA O MUSICALE
Ralph Fiennes – Grand Budapest Hotel
Michael Keaton – Birdman
Bill Murray – St. Vincent
Joaquin Phoenix – Inherent Vice
Christoph Waltz – Big Eyes

MIGLIOR ATTRICE- COMMEDIA O MUSICALE
Amy Adams – Big Eyes
Emily Blunt – Into the Woods
Helen Mirren – The Hundred Foot Journey
Julianne Moore – Maps to the Stars
Quvenzhané Wallis – Annie

MIGLIOR REGISTA
Wes Anderson – Grand Budapest Hotel
David Fincher – Gone Girl
Ava Duvernay – Selma
Alejandro Gonzalez Innaritu – Birdman
Richard Linklater – Boyhood

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA
Patricia Arquette – Boyhood
Jessica Chastain – A Most Violent Year
Keira Knightley – The Imitation Game
Emma Stone – Birdman
Meryl Streep – Into the Woods

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA
Robert Duvall – The Judge
Ethan Hawke – Boyhood
Edward Norton – Birdman
Mark Ruffalo – Foxcatcher
J.K. Simmons – Whiplash

MIGLIOR FILM ANIMATO
Big Hero 6
The Book of Life
Boxtrolls
Dragon Trainer 2
The Lego Movie

MIGLIOR SCENEGGIATURA
Alexander Dinerlaris, Alejandro Gonzalez Inarritu, Nicolas Giacobone, Armando Bo – Birdman
Wes Anderson & Hugo Guinness – The Grand Budapest Hotel
Anthony McCarten – The Theory Of Everything
Gillian Flynn – Gone Girl
Richard Linklater – Boyhood

MIGLIOR FILM STRANIERO
Force Majeure
Gett: The Trial of Viviane Amsalem
Ida
Leviathan
Tangerines

MIGLIOR MINISERIE O FILM TV
Fargo
The Missing
True Detective
The Normal Heart
Olive Kitteridge

MIGLIOR SERIE COMMEDIA O MUSICALE
Girls
Jane the Virgin
Orange Is the New Black
Silicon Valley
Transparent

MIGLIOR SERIE TV DRAMMATICA
Downton Abbey
The Affair
Game of Thrones
The Good Wife
House of Cards

MIGLIOR ATTRICE– SERIE TV DRAMMATICA
Claire Danes – Homeland
Viola Davis – How to Get Away with Murder
Julianna Margulies – The Good Wife
Ruth Wilson – The Affair
Robin Wright – House of Cards

MIGLIOR ATTORE– SERIE TV DRAMMATICA
Clive Owen- The Knick
Liev Schreiber- Ray Donovan
Kevin Spacey- House of Cards
James Spader- The Blacklist
Dominic West- The Affair

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE
Big Eyes – Big Eyes (Lana Del Ray)
Glory – Selma (John Legend, COmmon)
Mercy Is – Noah (Patty SMith, Lenny kaye)
Opportunity – Annie
Yellow Flicker Beat – Hunger Games, Mockingjy Pt 1 (Lorde)

MIGLIOR COLONNA SONORA
Alexandre Desplat – Imitation Game
Yohan Yohanson – Theory of Everything
Trent Reznor – Gone Girl
Antonio Sanchez – Birdman
Hans Zimmer – Interstellar

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINI- SERIE O FILM TV
Matt Bomer- The Normal Heart
Alan Cumming-  The Good Wife
Colin Hanks – Fargo
Bill Murray- Olive Kitteridge
Jon Voight- Ray Donovan

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINI- SERIE O FILM TV
Uzo Aduba – Orange Is the New Black
Kathy Bates – American Horror Story: Freak Show
Johane Frogat – Downton Abbey
ALlison Janney – Mom
Michelle Monaghan – True Detective

MIGLIOR ATTRICE IN UNA SERIE TV COMMEDIA
Lena Dunham – Girls
Edie Falco – Nurse Jackie
Gina Rodriguez – Jane the Virgin
Julia Louis Dreyfuss – Veep
Taylor Schilling – Orange Is the New Black

MIGLIOR ATTORE IN UNA SERIE TV COMMEDIA
Don Cheadle – House of Lies
Ricky Gervais – Derek
Jeffrey Tambor – Transparent
Louis C.K. – Louie
William H. Macy – Shameless

MIGLIOR ATTORE IN UNA MINI- SERIE O FILM TV
Martin Freeman – Fargo
Woody Harrelson- True Detective
Matthew McConaughey – True Detective
Mark Ruffalo- The Normal Heart
Billy Bob Thornton- Fargo

MIGLIOR ATTRICEIN UNA MINI- SERIE O FILM TV
Maggie Gyllenhaal- The Honorable Woman
Jessica Lange- American Horror Story: Freak Show
Frances McDormand- Olive Kitteridge
Frances O’Connor- The Missing
Allison Tolman- Fargo

Matteo Chessa

MOMMY: IL MIGLIOR FILM DEL 2014

mommy-official-us-trailer-drama-2014-world-wide-cred

Ci tengo ad annunciarlo qui e ora: Mommy è il miglior film del 2014.

Così, con un mese d’anticipo e senza troppi fronzoli. Perché? Perché raramente un lungometraggio è riuscito a emozionarmi ininterrottamente per tutta la sua durata e a colpirmi così nel profondo da spingermi a desiderarne una seconda visione(forse l’ultimo in ordine di tempo era stato nel 2004 Million Dollar Baby).

Premiato ex aequo a Cannes con Audieu au langage di Godard, l’ultima opera di Dolan (25 anni e gia cinque film all’attivo!) ha il grande pregio di raccontare una storia archetipica (il complicato rapporto madre-figlio) in modo del tutto originale. Basti pensare semplicemente alla scelta dell’aspect ratio e alla sua declinazione nel corso della pellicola:se infatti  il formato 1:1 ribattezzato polaroid o selfie  è estremamente funzionale per accentuare il lavoro d’introspezione (sia da parte del regista che da parte del pubblico) sui protagonisti con lo stesso intento che un tempo spettava al Kammerspiel tedesco, la sua successiva mutazione è più emozionale e facilmente riconoscibile rispetto ad esempio a quella che componeva il  Grand Budapest Hotel di Wes Anderson, che da buon cinefilo aveva scelto coraggiosamente di utilizzare  il passaggio dal 16:9 al 4:3 per omaggiare un certo tipo di cinema del passato (Lubitsch in primis).

Eppure, dopo la scettica visione di Tom à la ferme, mai avrei pensato di potermi innamorare dei personaggi di questo più che promettente regista canadese. E così piuttosto inaspettatamente mi sono perdutamente innamorato di Diane, una madre forte, una donna debole così come debole e contemporaneamente forte è suo figlio Steve che vorrebbe spaccare il mondo ma che invece si limita all’autodistruzione. E inevitabilmente  mi sono invaghito anche di Kyla e  della sua timidezza forzata che cela enorme sofferenza. Queste tre meravigliose anime tormentate, abbandonate a se stesse da una società che promulga leggi eticamente discutibili, finiscono con il formare una delle famiglie più affascinanti e atipiche mai viste sullo schermo. Dolan accudisce teneramente i membri di questo trio, ce li fa odiare e amare in un vorticoso parossismo sentimentale e con la sua regia ci stupisce e ci tiene in ansia per il loro futuro incerto che oramai è anche un po’ nostro. Impossibile tralasciare le interpretazioni degli attori: da una maestosa Anne Dorval (attrice feticcio del regista) al fragoroso Antoine Olivier Pilon fino ovviamente  al tocco delicato di Suzanne Clément. Ma una menzione speciale la merita senz’altro la toccante colonna sonora che spazia tranquillamente da Einaudi agli Eiffel 65 passando per Celine Dion e gli Oasis (la loro Wonderwall accompagna  quella che secondo me è la sequenza migliore del film) e che probabilmente rasenta la perfezione  delle ballate folk di Inside Llewyn Davis.
Domani tornerò a vedere Mommy.

E poi lo farò ancora una volta.E ancora.

Poi nel buio della sala  a un certo punto piangerò  e mi sentirò finalmente libero, anche solo per due ore.

Questa è per me la magia del cinema.

Francesco Pierucci