TOP 5- I CINQUE FILM PREFERITI DI QUENTIN TARANTINO

Con il suo ultimo lavoro The Hateful Eight, Quentin Tarantino ha riscritto ancora una volta la storia del cinema. Le sue ispirazioni, da buon videotecaro, mescolano l’alto e il basso, il film d’autore a quello di serie B. Vediamo allora quali sono i suoi cinque film preferiti:

Continua a leggere

UN REGISTA TRE FILM – ROBERT ZEMECKIS

Appena scoccato il 2015, molti di noi si sono sentiti nel futuro, lì dove l’immaginazione di un grande regista contemporaneo aveva catapultato Marty McFly e Doc nella seconda parte de Ritorno al Futuro (ricordiamo che la loro macchina del tempo dovrebbe arrivare il 21 ottobre di questo anno). Ovunque si è scherzato sulle invenzioni previste in quel film e poi realmente realizzate (carburanti alternativi, le videoconferenze, ecc) e su altre non ancora giunte (scarpe che si allacciano da sole e la stessa macchina del tempo).

Quel grande regista contemporaneo è Robert Zemeckis che nel 1985 plasmò un film icona del cinema anni ’80 e della fantascienza in generale, Ritorno al futuro. Fu un successo internazionale talmente enorme che nel 2007 fu scelto per essere conservato nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti. Ma la carriera del regista di Chicago non si fermò lì, anzi. Già nel 1988 rivoluzionò il mondo del cinema con Chi ha incastrato Roger Rabbit e negli anni ’90 girò uno dei più famosi capolavori della storia del cinema, Forrest Gump con protagonista Tom Hanks che collaborerà nuovamente con Zemeckis in Cast Away. Nonostante qualche clamoroso scivolone come La leggenda di Beowulf, bocciato quasi all’unanimità da pubblico e critica, la stella del celebre regista non si è eclissata fino all’ultima fatica Flight, che ha segnato il suo ritorno al live action dopo un assenza lunga 12 anni.

Ad ottobre è previsto il ritorno nelle sale di Zemeckis con The Walk che, con Joseph Gordon Lewitt protagonista, racconterà la storia di Philippe Petit, il funambolo francese che il 7 agosto 1974 compì la traversata delle Torri Gemelle del World Trade Center su un cavo d’acciaio senza alcuna protezione.

Ora, in questo nuovo appuntamento con la nostra vecchia rubrica “Un regista tre film”, analizzeremo tre tappe della carriera di Zemeckis, in ordine rigorosamente cronologico.

CHI HA INCASTRATO ROGER RABBIT?

 Chi-Ha-Incastrato-Roger-Rabbit

Mentre era ancora in corso la trilogia de Ritorno al Futuro, Zemeckis girò nel 1988 Chi ha incastrato Roger Rabbit. Prodotto da Steven Spielberg (che fu lo scopritore di Zemeckis), è uno dei lavori più innovativi del cinema moderno, capostipite di un vero e proprio filone di film a tecnica mista che unisce il live action all’animazione. Prima di questo film, gli esperimenti per combinare l’animazione con le riprese in live action non avevano mai convinto pienamente il pubblico, a causa dell’incapacità di amalgamare in maniera convincente i due elementi, oltre alla mancanza di reale partecipazione degli interpreti che non riuscivano a simulare l’interazione con elementi che durante le riprese non erano esistenti. Furono necessari tre anni di duro lavoro per portare a compimento questa pellicola: grazie a un lavoro di effetti speciali ottici, i disegni sono perfettamente integrati nelle scene e non sembravano solo delle figurine attaccate appositamente in una fase successiva alle riprese. La simulazione dell’interazione con gli ambienti e gli attori dà così la realistica impressione che i personaggi animati si trovino davvero lì. Decisive sono state le ottime interpretazioni del cast che vi ha partecipato (da Bob Hoskins a Christopher Lloyd) che è riuscito nell’intento di trasmettere la giusta dose di emotività e di mimica fisica. Candidato a 6 Oscar tecnici, ne vinse tre (Miglior Montaggio, Miglior montaggio sonoro, Migliori effetti speciali), oltre ad un Oscar speciale a Richard Williams per la creazione e la direzione delle animazioni.

 

FORREST GUMP

download

Ci sono film che hanno lasciato un’impronta indelebile nella storia della settima arte e altri in grado di avere un impatto notevole nella cultura popolare. A vent’anni di distanza dall’uscita del capolavoro in questione, si può dire che Forrest Gump sia riuscito a centrare entrambi questi obiettivi. Tratto all’omonimo romanzo di Winston Groom del 1986, il film narra la vita di Forrest Gump, un ragazzo americano dotato di uno sviluppo cognitivo inferiore alla norma ma che fu diretto testimone (e spesse volte addirittura protagonista) di alcune tappe importanti della storia americana. Ad interpretare il protagonista fu scelto Tom Hanks, che quando iniziarono le riprese non aveva ancora vinto l’Oscar per Philadelphia ma che bissò il successo nel 1994 nei panni di Forrest, vincendo due Oscar di fila ed eguagliando il record (ancora imbattuto) di Spencer Tracy. Oltre a ciò, Hanks si portò anche a casa 8 milioni di dollari come compenso, una cifra da capogiro considerando l’epoca e il fatto che Hanks non fosse ancora una stella di primo ordine. Come abbiamo già sottolineato in altre occasioni, la forza di questa pellicola sta nel riuscire a rendere un personaggio di fantasia una figura importante in eventi cardine del Dopoguerra a stelle e strisce come la Guerra del Vietnam e lo scandalo di Watergate. Questo grazie alle tecniche CGI che permisero che il personaggio di Forrest incontrasse anche personaggi defunti come il presidente Kennedy e John Lennon, e perfino che stringesse loro la mano. L’effetto finale è un coinvolgimento dello spettatore, che è naturalmente indotto a pensare che Forrest Gump sia realmente esistito. Per questo innovativo uso degli effetti visivi, il film ha vinto il Premio Oscar nella categoria. Oltre ai due Oscar citati, il film ne portò a casa altri 4 (su 13 candidature), segnando la definitiva consacrazione di Zemeckis che vinse come Miglior Regista (l’unico in carriera), soffiando l’ambita statuetta nientemeno che a Quentin Tarantino, in lizza per Pulp Fiction.

 

 CAST AWAY

 large_w515BrZvczKIxbHurG6HIiYYrba

Sei anni più tardi, il sodalizio tra il regista e Tom Hanks si rinnovò con Cast Away. Ne uscì un altro ottimo film che riuscì a rendere originale un tema risalente come quello dell’uomo unico naufrago su un’isola deserta. Il personaggio in questione è Chuck Noland, dirigente operativo della FedEx, nota azienda di spedizione merci in tutto il mondo, il cui aereo diretto in Thailandia, precipita in mare. Chuck si salva approdando su un’isola deserta dove impara a sopravvivere e rimane per quattro anni. Per non impazzire, diverrà amico di un pallone che chiamerà Wilson e che sarà fonte di ispirazione in varie opere successive. Tom Hanks regge la scena praticamente da solo per un’ora, senza annoiarci ma emozionandoci e strabiliandoci con la sua “amicizia” con il pallone Wilson. Un tale sforzo artistico e di genialità non fu però apprezzato a dovere dall’Academy, che preferì premiare un’altra performance storica (ma forse di minore fattura), come quella di Russell Crowe ne Il Gladiatore. Zemeckis non ottenne premi di primo piano ma ebbe il non indifferente merito di affiancare il suo film ad un colosso come il romanzo Robinson Crusoe di Daniel Defoe nell’immaginario collettivo. Senza dimenticare che aprì la strada a un caposaldo della serialità mondiale quale Lost, la cui idea venne al numero uno della ABC Lloyd Brown guardando proprio Cast Away.

Michael Cirigliano

DJANGO UNCHAINED – TRATTO DALLA SCENEGGIATURA DA OSCAR DI QUENTIN TARANTINO

django-unchained-cover

Sono tanti i fumetti, o meglio le Graphic Novel, che nascono dopo l’uscita di un film per cavalcarne l’onda. Spesso sono prodotti scadenti che si soffermano solo sulla trama, tralasciando elementi fondamentali come personaggi o scaricando il succo della storia come bagaglio non indispensabile per il lettore, tanto c’è il film. Il prodotto di cui vi parlo oggi appartiene alla stessa famiglia ma,vuoi per i nomi interessati o per i contenuti, il risultato è l’opposto di quanto raccontato poc’anzi. Il fumetto su Django esce in concomitanza col film, complice l’amore di Tarantino per i comic book, e arricchisce la storia di Freeman con nuovi particolari che non sono stati inseriti nel film per motivi di durata! Lo stesso regista lo racconta nella prefazione del primo numero, dove scopriamo che sia Django Unchained che il precedente Kill Bill sarebbero dovuti durare più di quattro ore se Tarantino avesse inserito tutte le sue idee nella pellicola finita. Peccato che i girati “nascosti” di Kill Bill siano tuttora inediti, ma per Django ringraziamo questa iniziativa. Così leggiamo e scopriamo dell’avventura parallela di Brunhilde, sono trasformate in immagini sulla roccia le fatiche di Sigfrido raccontate da Schultz e si perfeziona di nuovi dettagli la vendetta di Django su Candyland. Dal 2012 sono usciti in maniera un po’ aperiodica (per sfortuna dei fans invece puntuali) otto albi, ognuno dei quali disegnato da un artista diverso, ma tutti con la linea guida degli scritti di Tarantino. Una lettura consigliatissima per gli amanti del regista ma anche per tutti qui fumettari come me sempre alla ricerca di prodotti strani e introvabili (uscito anche in italia, il volume è stato pubblicizzato pochissimo). Chiudo segnalando che il buon Django tornerà nel mondo dei fumetti sempre grazie a Tarantino, per un improbabile crossover con Zorro… prometto ai lettori del blog che appena lo troverò ne parlerò subito!

Pietro Micheli

UN REGISTA TRE FILM – QUENTIN TARANTINO

Cosa??? Solo tre??? È praticamente impossibile scegliere tre film di Tarantino senza lasciarsi attanagliare da dubbi e, qualunque sia la scelta, senza scontentare i fan o gli appassionati. Regista eclettico, rivoluzionario, che trova non nel citazionismo ma nel mescolamento il suo punto di forza, Tarantino (la cui passione per la settima arte nasce da giovanissimo e cresce e viene affinata dal lavoro nell’ormai celeberrima videoteca Manhattan Beach Video Archives nell’area di Manhattan Beach) ha realizzato capolavori con un marchio inconfondibile che gioca sia con le unità aristoteliche, mescolando luogo tempo e azione, e rimanda a vecchi film (perlopiù sconosciuti) di cui estrapola una scena, una colonna sonora, anche solo un particolare della scenografia per utilizzarlo nei suoi lungometraggi caricandolo di nuovo senso. Dallo scoppiettante esordio con Le iene (saltando il primo lungo My Best Friend’s Birthday) all’ultima fatica Django Unchained, sono dieci i lavori del cinefilo di Knoxville. Ecco i miei tre preferiti.

 

PULP FICTION

pulp-fiction-20-anni-13

Stregato da questa pellicola Clint Eastwood, presidente di giuria a Cannes nel 1994, non poté non premiarla con la Palma d’oro nonostante Film Rosso di Kieslowski. Una rivoluzione già sperimentata con Le Iene (ma qui perfezionata) di racconto anti-cronologico, una storia di gangster, amori, vendette, guerra, cimeli di famiglia, pugilato, colazioni che nella sua ironia nera descrive l’abominio del male. Personaggi creati alla perfezione, tra cui spiccano il sicario Jules del magnifico Samuel L. Jackson e il preparato Mr.Wolf di Harvey Keitel. Tante piccole storie apparentemente sconnesse tra loro che trovano un filo logico e una cronologia solo nella seconda parte, in cui si ha l’effetto di una discesa. Per molti il film migliore del regista.

 

JACKIE BROWN

jackie-brown

Ci si attendeva un altro film alla Pulp Fiction ed ecco che Tarantino regala un’opera lineare, tradizionale, che segue una sua cronologia, seppure fedele agli altri aspetti del suo stile (sceneggiatura bruciante, ironia e umorismo nero, citazionismo smodato). A Los Angeles Ordell, mercante d’armi, cerca di ritirare una enorme somma di denaro dal Messico per poi ritirarsi dagli affari. Lo aiutano l’ex compagno di cella Louis Gara e l’ex socia Jackie Brown, hostess arrestata per colpa sua. La cosa più interessante sono i personaggi, delineati alla perfezione, che sono tutti sia angeli che diavoli allo stesso tempo (Ordell per ironia sembra il meno cattivo). De Niro fumatore stanco, Pam Grier hostess in forma, Robert Forster garante di cauzioni innamorato e Samuel L. Jackson che sembra essere nato per recitare le sceneggiature di Tarantino. Grande film.

 

KILL BILL

Kill_Bill_vol._1_(2003)_Quentin_Tarantino

A mio avviso il punto più alto raggiunto da Tarantino fino ad ora. Da considerare nel complesso, è un capolavoro che miscela al meglio innumerevoli generi differenti di cinema, dal gongfupian allo wuxiapian cinesi, dallo spaghetti western agli yakuza movie, dall’horror italiano firmato Fulci e Bava agli anime giapponesi, non dimenticando capolavori nipponici come Lady Snowblood o film sulla vendetta occidentali come La sposa in nero di Truffaut. Beatrix Kiddo (Uma Thurman), ex sicario della banda del killer Bill (David Carradine), viene quasi uccisa nel giorno delle sue nozze. Al suo risveglio, dopo anni, dal coma, cerca gli aggressori per fargliela pagare. Si ritorna alla anti- cronologia, ma quasi non si nota se non per alcuni escamotage del regista (il foglio con i nomi). Scene perfette, recitazioni da urlo e una semplicità di creare cinema disarmante. È bello dall’inizio alla fine (con la frase sulla leonessa e i titoli di coda capolavoro). L’opera magna di Tarantino, difficilmente superabile.

 

Matteo Chessa

TOP 10: I MIGLIORI ESORDI ALLA REGIA

10

un_chien_andalou.2

UN CHIEN ANDALOU

Si parte subito forte con il manifesto del cinema surrealista che nasce da un’idea di due artisti visionari quali Louis Bunuel e Salvador Dalì. Anche se tecnicamente è solo un cortometraggio, questo lavoro che invoca la ricerca di uno sguardo Altro, non può non essere inserito in questa speciale classifica.

9

Duellanti_gip

I DUELLANTI

Le cause dell”esordio folgorante di Ridley Scott vanno ricercate in due direzioni differenti: da un lato l’immancabile ispirazione al racconto di Conrad e dall’altro l’influenza lampante di Barry Lindon nell’uso della fotografia e della regia ricca di zoom.

8

being-john-malkovich

ESSERE JOHN MALKOVICH

Poco da dire su questo straordinario film diretto dall’allora trentenne Spike Jonze. Divertente, onirico, ispirato,  non lascia di certo indifferenti. Gran parte del merito è ovviamente della sceneggiatura di Charlie Kaufman che collaborerà con l’ex marito della Coppola anche ne Il ladro di orchidee. Aggiungo che John Cusack è anche meno fastidioso del solito.

7

Harry_Powell_la_morte_corre_sul_fiume_01

LA MORTE CORRE SUL FIUME

Esordio magistrale e insuccesso commerciale. Primo e unico film dello straordinario Charles Laughton, innamorato dell’espressionismo tedesco e del cinema scandinavo. Indimenticabile Robert Mitchum, Ne abbiamo parlato tanto in altri articoli precedenti. Favoloso.

6

American_Beauty

AMERICAN BEAUTY

Il film di Sam Mendes mi ha sempre suscitato un interrogativo: come può un film d’esordio essere pubblicizzato come film d’autore? Ma alla visione del lungometraggio la domanda si dissolve per lasciare spazio a Kevin Spacey e alla maestosa sceneggiatura di Alan Ball.

5

fino-allultimo-respiro-godard

FINO ALL’ULTIMO RESPIRO

Godard è uno di quei registi che ha cambiato radicalmente la storia del cinema mondiale e la grammatica della settima arte già a partire dal suo esordio. L’invenzione del jump cut e le lunghe carrellate senza binari aggiungono innovazione alle già convincenti  interpretazioni di Belmondo e della Seberg. Straordinario cammeo di Melville.

4

quarto_potere

QUARTO POTERE

Che dire? Forse il film più importante della storia del cinema. Come si può girare un’opera del genere a soli 26 anni? Chiedetelo a Welles, il regista che ha fatto della profondità di campo una forma d’arte assoluta. Doveva stare più in alto in classifica? Probabilmente sì.

3

laparolaaigiurati2

LA PAROLA AI GIURATI

Vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino, il lungometraggio d’esordio di Sidney Lumet è uno dei miei film preferiti. 12 uomini arrabbiati in una stanza per decidere se un ragazzo di colore ha commesso un omicidio. Un’opera semplice ma profonda che difficilmente potrà essere dimenticata.

2

ali della

LE ALI DELLA LIBERTA’

Perchè quando sento dei discorsi sui più grandi registi di tutti i tempi, non viene mai nominato Frank Darabont? Se The Shawshank Redemption è il film più amato dagli utenti nella classifica di IMDB, ci sarà un motivo no? Un esordio lirico e toccante con degli interpreti eccellenti.

1

10_le_iene_20_anni_prima_e_dopo

LE IENE

Fine. Da quando ho visto questo film non mi sono più ripreso. L’opera che mi ha fatto conoscere QT e che per me merita di stare in cima alla Top10 è uno dei film più importanti della storia del cinema. Che piaccia o meno, non si può negare che il regista del Tennessee abbia portato con sé una ventata di originalità all’inizio degli anni novanta. Ogni scena è leggendaria, alla pari del successivo Pulp Fiction. Per la cronaca, quando vado al ristorante ho imparato a non lasciare più le mance.

1995. FORREST GUMP: IL CAPOLAVORO DELLA GENTE

Forrest_Gump_poster

 “Mamma diceva sempre: la vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita”

Scelta dai membri dell’American Film Institute come la numero 40 tra le 100 migliori citazioni cinematografiche di tutti i tempi, questa splendida battuta è forse la più celebre del film-rivelazione agli Oscar del 1995: Forrest Gump di Robert Zemeckis. Nonostante rivali del calibro di Pulp Fiction di Quentin Tarantino e di Le ali della libertà del sottovalutato Frank Darabont, Forrest Gump riceve ben tredici nomination (una sola in meno rispetto al record di Titanic ed Eva contro Eva) e conquista sei statuette (miglior film, regia, attore protagonista, sceneggiatura, effetti speciali, montaggio). Liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Winston Groom del 1986, il film di Zemeckis narra la straordinaria vita di Forrest Gump, un uomo dotato di uno sviluppo cognitivo inferiore alla norma, nato negli USA a metà degli anni quaranta e che, grazie a una serie di coincidenze, diventa inconsapevolmente testimone di importanti avvenimenti della storia americana. Tom Hanks, nella fase migliore della sua carriera (conquista il secondo Oscar consecutivo dopo Philadelphia, eguagliando così il record di Spencer Tracy), è semplicemente perfetto nel ruolo di uno dei personaggi più amati della storia del cinema. Un elogio particolare lo meritano anche le tecniche CGI che hanno permesso impensabili interazioni tra il protagonista e celebrità come John Lennon, JFK e Nixon e che conducono lo spettatore a un coinvolgimento fuori dalla norma. Campione sia d’incassi che di critica, capolavoro incontestabile. Corri Forrest, corri!

 

CURIOSITA’: Visto il clamoroso successo del film, nel 2001 i produttori incaricarono Eric Roth di scrivere una sceneggiatura per un possibile secondo capitolo, adattandosi a Gump & Co., seguito del libro su cui era basato Forrest Gump, entrambi scritti da Winston Groom. Il film proseguirebbe con le avventure di Forrest, negli anni ottanta e ’90, compresa la caduta del muro di Berlino, ma nulla è andato in porto anche se la Paramount ha recuperato lo script di Roth.

 

Francesco Pierucci