UN REGISTA TRE FILM – DAVID FINCHER

Se dovessimo valutare la grandezza di un regista dal valore della sua opera prima, questo articolo non avrebbe nemmeno ragione di esistere. Questo perché la pellicola di debutto alla regia di David Fincher (dopo una gavetta negli effetti speciali nella Industrial Light & Magic di George Lucas e un esordio dietro alla macchina da presa in spot e videoclip musicali) fu Alien³, seguito delle due famose pellicole Alien e Aliens – Conflitto Finale dirette rispettivamente da due guru della fantascienza quali Ridley Scott e James Cameron. Girare come primo lungometraggio il terzo capitolo di una saga tanto celebre fu un’arma a doppio taglio per l’allora nemmeno trentenne Fincher e, come c’era da aspettarsi, il lavoro non ebbe successo venendo poco apprezzato dai fan per i suoi toni eccessivamente cupi e una sceneggiatura oltremodo spuria, soprattutto a causa del taglio di oltre mezz’ora del film da parte dei produttori della pellicola.

Però Fincher non si diede per vinto e il successo non tardò ad arrivare: nel 1995 uscì Seven, che oltre ad avere un ottimo successo di critica e pubblico, divenne negli anni un vero e proprio cult degli anni Novanta. Lo stesso di può dire per l’opera più famosa di Fincher, Fight Club, che all’inizio non ebbe risultati soddisfacenti al botteghino e fu stroncato dalla critica in più occasioni ma fu risollevato ampiamente dalla successiva distribuzione per home video.  Collocato cronologicamente tra questi due colossi, una nota la merita The Game – Nessuna regola, uscito nel 1997 e, sebbene non riscosse lo stesso successo dei due film sopracitati, mise in mostra le ottime doti registiche di Fincher anche grazie all’ottimo cast nel quale svettavano Sean Penn e Michael Douglas.

Gli anni Duemila non iniziarono nel migliore dei modi per il regista di Denver: nel 2002 fu la volta di Panic Room, un thriller che ha nell’eccessiva frettolosità delle fasi di produzione e un calo nella seconda parte del film i suoi punti deboli. Le due pellicole successive furono Zodiac (2007, presentato a Cannes) e Il Curioso Caso di Benjamin Button (2008) che fece incetta di nomination agli Oscar (13, vincendone 3) e segnò la terza collaborazione del regista con Brad Pitt. Entrambi furono considerati ottimi film e permisero a Fincher di lanciarsi nell’opera che doveva consacrarlo definitivamente, The Social Network, uscito nel 2010. E così fu: il film ebbe un successo planetario e da più parti fu considerato il film dell’anno.

Arriviamo così agli ultimi due lavori di Fincher: Millennium-Uomini che odiano le donne, seconda trasposizione cinematografica del fortunato romanzo di Stieg Larsson e nel 2014 Gone Girl, uno splendido thriller hitchcockiano nettamente l’opera migliore di Fincher dopo i due cult Seven e Fight Club (ve ne abbiamo parlato qui).

Ecco dunque le tre scelte de IL Disoccupato Illustre, consci del fatto che le prime due sono meritatamente  scontate.

SEVEN

 138

Come sottolineavamo qualche settimana fa, Fincher è uno dei registi che maggiormente cura i titoli di testa (ne sono esempi, oltre a Seven, anche Zodiac o Millennium): sono sporchi e disturbanti, proprio come il criminale John Doe, antagonista del film, interpretato magnificamente da Kevin Spacey (negli anni in cui infilò quasi in sequenza I Soliti Sospetti, LA Confidential e American Beauty). Lo stesso attore ebbe la geniale idea di non volere il suo nome inserito nei titoli di testa per rendere alla perfezione l’effetto sorpresa causato dalla sua entrata in scena. Non ce ne vogliano i due attori protagonisti Brad Pitt e Morgan Freeman (comunque buone le loro interpretazioni) ma è lui la forza del film grazie alle sue frasi divenute leggendarie e al suo essere un villain atipico. Infatti John Doe colpisce le sue vittime secondo delle regole ben precise: sono tutti colpevoli di vizi capitali. E il disegno si rivela ancora più spiazzante quando scopriamo a chi si riferiscono i vizi dell’invidia e dell’ira…

Da segnalare l’ottimo doppiaggio in italiano di Francesco Pannofino per il personaggio di Doe oltre al sapiente montaggio di Richard Francis-Bruce, che portò a casa l’unica candidatura agli Oscar per la pellicola.

FIGHT CLUB

 1406035525-brad-pitt-fight-club

Inserito in ogni possibile classifica dei migliori film di ogni tempo (gli utenti del sito imdb lo collocano addirittura al decimo posto) e citato a dismisura in film e canzoni degli ultimi quindici anni, Fight Club deve la sua immensa celebrità in larga misura alle varie frasi talmente entrate nell’immaginario collettivo da essere abusate, tra le più famose meritano di essere menzionate “le otto regole del Fight Club“: “Prima regola del Fight Club: non parlate mai del Fight Club. Seconda regola del Fight Club: non dovete parlare mai del Fight Club. Terza regola del Fight Club: se qualcuno grida “basta”, si accascia, è spompato, fine del combattimento. Quarta regola: si combatte solo due per volta. Quinta regola: un combattimento alla volta, ragazzi. Sesta regola: niente camicia, niente scarpe. Settima regola: i combattimenti durano per tutto il tempo necessario. Ottava ed ultima regola: se questa è la vostra prima sera al Fight Club… dovete combattere”. Chi le pronuncia? Tyler Durden, il miglior Brad Pitt che si sia mai visto al cinema. È un uomo eccentrico ma del personaggio vogliamo ricordare le critiche al consumismo e all’alienazione dell’uomo moderno, incredibilmente attuali ancora oggi. Ad affiancarlo il protagonista (il cui nome non viene mai pronunciato) interpretato da un Edward Norton a inizio carriera ma che poche altre volte sarà così convincente.

Ha insegnato qualcosa e forse è questo il fine ultimo della settima arte.

 THE SOCIAL NETWORK

 the_social_network_12

Fincher fu bravo a capire qual era il momento giusto per girare un film su Facebook: nel 2010 la moda era divampata una volta per tutte ma i social network non erano ancora al centro della vita delle persone come lo sono oggi. Il film, forse anche per questo motivo, non si rivelò banale. Al centro della storia vi è la genesi di Facebook e della causa milionaria tra il fondatore Mark Zuckenberg e i gemelli Cameron e Tyler Winklevoss che lo accusarono di avere rubato loro l’idea. Il cast è composto da attori giovani: i tre attori principali sono Jesse Eisenberg (Zuckenberg), Andrew Garfield (il co-fondatore Eduardo Severin) e Justin Timberlake (Sean Parker, boss di Napster che contribuì a dare a Facebook quella dimensione internazionale che ha oggi). Sul libro di Ben Mezrich Miliardari per caso – L’invenzione di Facebook: una storia di soldi, sesso, genio e tradimento si basa la sceneggiatura di Aaron Sorkin, come sempre notevole a creare dialoghi fulminanti e a creare personaggi “con la battuta pronta”, la stessa trovata che lo lanciò nell’olimpo degli sceneggiatori negli anni ’90 con la serie TV West Wing. Un difetto? Il personaggio di Zuckenberg, genio arrogante e tagliente nelle parole ma al contempo freddo e distaccato, al cinema sa di già visto (Good Will Hunting e A Beautiful Mind).

Candidato a otto Oscar nel 2011, ne vinse tre: miglior sceneggiatura non originale, miglior colonna sonora e miglior montaggio.

Michael Cirigliano

TOP 10: I MIGLIORI ESORDI ALLA REGIA

10

un_chien_andalou.2

UN CHIEN ANDALOU

Si parte subito forte con il manifesto del cinema surrealista che nasce da un’idea di due artisti visionari quali Louis Bunuel e Salvador Dalì. Anche se tecnicamente è solo un cortometraggio, questo lavoro che invoca la ricerca di uno sguardo Altro, non può non essere inserito in questa speciale classifica.

9

Duellanti_gip

I DUELLANTI

Le cause dell”esordio folgorante di Ridley Scott vanno ricercate in due direzioni differenti: da un lato l’immancabile ispirazione al racconto di Conrad e dall’altro l’influenza lampante di Barry Lindon nell’uso della fotografia e della regia ricca di zoom.

8

being-john-malkovich

ESSERE JOHN MALKOVICH

Poco da dire su questo straordinario film diretto dall’allora trentenne Spike Jonze. Divertente, onirico, ispirato,  non lascia di certo indifferenti. Gran parte del merito è ovviamente della sceneggiatura di Charlie Kaufman che collaborerà con l’ex marito della Coppola anche ne Il ladro di orchidee. Aggiungo che John Cusack è anche meno fastidioso del solito.

7

Harry_Powell_la_morte_corre_sul_fiume_01

LA MORTE CORRE SUL FIUME

Esordio magistrale e insuccesso commerciale. Primo e unico film dello straordinario Charles Laughton, innamorato dell’espressionismo tedesco e del cinema scandinavo. Indimenticabile Robert Mitchum, Ne abbiamo parlato tanto in altri articoli precedenti. Favoloso.

6

American_Beauty

AMERICAN BEAUTY

Il film di Sam Mendes mi ha sempre suscitato un interrogativo: come può un film d’esordio essere pubblicizzato come film d’autore? Ma alla visione del lungometraggio la domanda si dissolve per lasciare spazio a Kevin Spacey e alla maestosa sceneggiatura di Alan Ball.

5

fino-allultimo-respiro-godard

FINO ALL’ULTIMO RESPIRO

Godard è uno di quei registi che ha cambiato radicalmente la storia del cinema mondiale e la grammatica della settima arte già a partire dal suo esordio. L’invenzione del jump cut e le lunghe carrellate senza binari aggiungono innovazione alle già convincenti  interpretazioni di Belmondo e della Seberg. Straordinario cammeo di Melville.

4

quarto_potere

QUARTO POTERE

Che dire? Forse il film più importante della storia del cinema. Come si può girare un’opera del genere a soli 26 anni? Chiedetelo a Welles, il regista che ha fatto della profondità di campo una forma d’arte assoluta. Doveva stare più in alto in classifica? Probabilmente sì.

3

laparolaaigiurati2

LA PAROLA AI GIURATI

Vincitore dell’Orso d’Oro a Berlino, il lungometraggio d’esordio di Sidney Lumet è uno dei miei film preferiti. 12 uomini arrabbiati in una stanza per decidere se un ragazzo di colore ha commesso un omicidio. Un’opera semplice ma profonda che difficilmente potrà essere dimenticata.

2

ali della

LE ALI DELLA LIBERTA’

Perchè quando sento dei discorsi sui più grandi registi di tutti i tempi, non viene mai nominato Frank Darabont? Se The Shawshank Redemption è il film più amato dagli utenti nella classifica di IMDB, ci sarà un motivo no? Un esordio lirico e toccante con degli interpreti eccellenti.

1

10_le_iene_20_anni_prima_e_dopo

LE IENE

Fine. Da quando ho visto questo film non mi sono più ripreso. L’opera che mi ha fatto conoscere QT e che per me merita di stare in cima alla Top10 è uno dei film più importanti della storia del cinema. Che piaccia o meno, non si può negare che il regista del Tennessee abbia portato con sé una ventata di originalità all’inizio degli anni novanta. Ogni scena è leggendaria, alla pari del successivo Pulp Fiction. Per la cronaca, quando vado al ristorante ho imparato a non lasciare più le mance.